Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Polli e antibiotici

Versione stampabile Segnala ad un amico

Il batterio Campylobacter provoca dal 5 al 14 per cento di tutti i disturbi intestinali nel mondo. Prolifera nel pollame di allevamento.
La carne (soprattutto il pollame), il latte non pastorizzato e l’acqua contaminata rappresentano le principali fonti di avvelenamento da cibo e di gravi disturbi intestinali.
I più colpiti sono i bambini e le persone con un sistema immunitario debole, le quali devono spesso ricorrere agli antibiotici per impedire all’infezione di diffondersi nel flusso sanguigno. Il rischio, infatti, è che una modesta infezione si trasformi in setticemia.

Tuttavia, da una ricerca pubblicata sulla rivista BMC Public Health, si evince che più del 40% dei batteri che si trovano nei polli (tra cui il diffusissimo Campylobacter) sono resistenti agli antibiotici.


E’ lo stesso problema che si presenta per i latticini italiani: gli antibiotici dati agli animali da alllevamento selezionano microorganismi che passano poi nel nostro ciclo alimentare e danno disturbi apparentemente inspiegabili.


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online