Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione - Alimentazione e celiachia

Versione stampabile Segnala ad un amico

L'importanza di una diagnosi precoce

La
celiachia è una malattia di origine genetica caratterizzata
dall’intolleranza perenne al glutine o meglio al gruppo di proteine in
esso contenute: le gliadine.

E’
molto diffusa oggi, specialmente tra i giovani, e, tra i motivi di
insorgenza, vi è l’introduzione troppo anticipata del latte vaccino
nello svezzamento.

Il
glutine è presente nella maggior parte dei cereali (frumento, avena,
segale, orzo e derivati) quindi in molti dei cibi abituali della cucina
italiana. La sua introduzione nell’organismo provoca l’attivazione
della malattia:  un’alterazione
della mucosa intestinale e un appiattimento dei villi con conseguente 
malassorbimento dei cibi.  Per
queste ragioni se la celiachia viene trascurata può portare
all’insorgenza di un tumore all’intestino.

Eliminare
i cibi contenenti glutine è fondamentale, in presenza della malattia,
in quanto porta alla scomparsa dei sintomi. Fortunatamente oggi i
prodotti in commercio ci favoriscono in questa direzione. Il fatto che
la celiachia sia riconosciuta come malattia sociale è un ulteriore
contributo in tal senso.

La
diagnosi è semplice fino ai due anni di vita della persona in quanto i
sintomi sono molto chiari: diarrea persistente, vomito, difficoltà di
crescita. Con il passare degli anni i sintomi si complicano e possono
renderne difficile il riconoscimento.

E’importante
quindi diagnosticarla al più presto.

Oggi
ci vengono in soccorso strumenti diagnostici più efficaci che in
passato. Quando la malattia è sospettata, è sufficiente ricorrere, per
una prima valutazione, a esami del sangue specifici (Antitransglutaminasi,
Ema o Antiendomisio) e, per la conferma, a una biopsia dei villi
intestinali.

La
celiachia rimane pur sempre una malattia di cui non sono perfettamente
chiari i meccanismi di insorgenza e il decorso. Per chi non vuol subire esami costosi od invasivi noi utilizziamo a fine visita il test muscolare per le intolleranze alimentari, che ci aiuta a differenziare se si tratta di una ipersensibilità al glutine oppure al solo frumento, situazione anch'essa sempre iù frequente.

 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online