Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fitoterapia Un pizzico d'origano

Versione stampabile Segnala ad un amico

La spezia rivela sorprendenti qualità antinfiammatorie

E se il medico in caso di infiammazione vi prescrivesse una bella pizza con abbondante origano? Un team di ricercatori dell'Università di Bohn, in Germania, e dell'ETH di Zurigo, in Svizzera, ha somministrato del beta-cariofillene (E-BCP), il principio attivo presente nella pianta dell'origano, a dei topi con le zampette infiammate. In sette casi su dieci è stato osservato un miglioramento dei sintomi.

L'E-BCP, che si trova anche in altre spezie, come il basilico, il rosmarino, la cannella e il pepe nero, potrebbe essere utile in molte malattie, fra queste l'osteoporosi e l'arteriosclerosi.

“I nostri risultati dimostrano che l'E-BCP inibisce le infiammazioni,” ha dichiarato Andreas Zimmer del Life&Brain-Zentrum di Bonn. Nessuno se n'era mai accorto prima, ma le proprietà terapeutiche della molecola non finiscono qui: “i test sui topi dimostrano che è anche efficace per trattare l'osteoporosi.”

Lo studio è apparso il 23 di giugno su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).



26 giugno 2008Federica Sgorbissa
... vai all'archivio SE news La spezia rivela sorprendenti qualità antinfiammatorie


E se il medico in caso di infiammazione vi prescrivesse una bella pizza con abbondante origano? Un team di ricercatori dell'Università di Bohn, in Germania, e dell'ETH di Zurigo, in Svizzera, ha somministrato del beta-cariofillene (E-BCP), il principio attivo presente nella pianta dell'origano, a dei topi con le zampette infiammate. In sette casi su dieci è stato osservato un miglioramento dei sintomi.

L'E-BCP, che si trova anche in altre spezie, come il basilico, il rosmarino, la cannella e il pepe nero, potrebbe essere utile in molte malattie, fra queste l'osteoporosi e l'arteriosclerosi.

“I nostri risultati dimostrano che l'E-BCP inibisce le infiammazioni,” ha dichiarato Andreas Zimmer del Life&Brain-Zentrum di Bonn. Nessuno se n'era mai accorto prima, ma le proprietà terapeutiche della molecola non finiscono qui: “i test sui topi dimostrano che è anche efficace per trattare l'osteoporosi.”

Lo studio è apparso il 23 di giugno su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

ulisse.sissa.it

26 giugno 2008Federica Sgorbissa


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fitoterapia
· Ultime news


Articolo più letto su Fitoterapia:
L'amaro svedese

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online