Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Perchè non resistiamo al cibo

Versione stampabile Segnala ad un amico

E' una questione di aree attivate nel cervello
Un gruppo di scienziati inglesi ha scoperto perché alcuni di noi non riescono proprio a dire di no a quella fantastica torta al cioccolato o a quella fumante e profumatissima pizza: è una pura questione di cervello . Sembra, infatti, che la visione e il pensiero di questi cibi, diversi tra persona e persona, stimolino i centri cerebrali della ricompensa invogliando a mangiarne in quantità.

Lo studio, pubblicato dal Journal of Neuroscience, è stato realizzato dalla Medical Research Council’s Cognition and Brain Sciences Unit di Cambridge (Regno Unito). Grazie a tecniche di brain imaging, è stato possibile monitorare l’attivazione di alcune aree cerebrali, causata dalla visione di foto raffiguranti cibi particolarmente appetitosi, pietanze insapori o piatti disgustosi.

I ricercatori hanno scoperto che, in alcune persone, i centri cerebrali della ricompensa, area orbito-frontale, striatale ventrale, mediana e anche parte dell’amigdala, erano particolarmente stimolati dalla visione di piatti appetitosi. In una seconda fase i partecipanti sono stati sottoposti ad un questionario per testare il loro desiderio di ricompensa che ha confermato l’ipotesi nata dall’esame visivo.

“Questo risultato aiuta a spiegare perché alcuni individui sono propensi a sviluppare disordini come il binge-eating”, commenta l’autore John Beaver. “In particolare, questo studio aiuta a capire il rapido aumento dell’obesità dal momento che le persone sono costantemente bombardate con immagini di cibi appetitosi, per promuoverne il consumo, attraverso pubblicità, distributori e confezioni accattivanti”.

La responsabilità, secondo i ricercatori, non è più completamente sulle spalle dei consumatori troppo deboli per resistere, ma anche su quelle delle industrie alimentari e di marketing che approfittano di una risposta fisiologica e naturale del cervello. Dunque, al diavolo i sensi di colpa se stiamo mangiando il trentaduesimo cioccolatino della mattinata… al cervello non si comanda!

Fonte: Beaver JD, Lawrence AD et al. Individual differences in reward drive predict neural responses to images of food. The Journal of Neuroscience 2006; 26(19):5160-5166.

caterina visco


Il Pensiero Scientifico Editore


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online