Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Dubbi sulla sicurezza e sull’efficacia di Natrecor

Versione stampabile Segnala ad un amico

Si usa per il trattamento in acuto dell’insufficienza cardiaca scompensata

Eric J Topol, chairman del Dipartimento di Medicina Cardiovascolare della Cleveland Clinic negli Usa si è chiesto “ Come è possibile che un farmaco che è associato con percentuali di disfunzione renale e di mortalità superiori al placebo e che ha un costo 50 volte superiore rispetto alle terapie standard e per il quale non esistono significative prove di efficacia clinica, essere somministrato a 600.000 pazienti ? “
Il farmaco in causa è la Nesiritide, conosciuta anche con il nome commerciale di Natrecor.
Natrecor è una forma ricombinante del peptide natriuretico di tipo B, umano.

Natrecor è stato approvato dall’FDA nel 2001 per il trattamento in acuto dell’insufficienza cardiaca scompensata a livello ospedaliero, nei pazienti con dispnea a riposo o dopo minima attività.

Nel suo articolo Topol ha sottolineato che uno studio clinico di ampie dimensioni, VMAC ( Vasodilatation in the Mangement of Acute Congestive Heart Failure ) non ha dimostrato alcun beneficio della Nesiritide nei confronti della Nitroglicerina riguardo alla mortalità o alla necessità di ripetuti ricoveri ospedalieri entro 30 giorni.

Lo studio VMAC ha accresciuto i dubbi riguardo alla Nesiritide.
Solo il 30% dei pazienti ha ricevuto Furosemide o un diuretico per via endovenosa prima dell’arruolamento, sebbene questi farmaci rappresentino la terapia standard dell’insufficienza cardiaca scompensata.
Il dosaggio della Nitroglicerina non è stato impiegato in modo aggressivo.
L’incidenza di morte a 30 giorni nello studio VMAC è stata dell’8,6% nel gruppo Nesiritide contro il 5,5% nel gruppo placebo.
Un aumento superiore di 0,5 mg/dl dei livelli di creatinina sierici si è presentato nel 27% dei pazienti trattati con Nesiritide contro il 21% dei controlli.

Inoltre una meta-analisi ( JAMA 2005 ) compiuta su 3 studi clinici ha documentato che i pazienti a cui era stata somministrata Nesiritide avevano avuto un aumento dell’81% della mortalità rispetto al placebo.

Secondo Topol la Nesiritide non ha mai incontrato i criteri minimi di sicurezza e di efficacia, ed il suo impiego è dubbio. ( Xagena_2005 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2005

Farmaci.net

MedicinaNews.it

XagenaFarmaci_2005


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online