Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Il caffè agisce come la cocaina?

Versione stampabile Segnala ad un amico

I due stimolanti modificano la stessa area del cervello


Ogni giorno milioni di persone assumono la droga più popolare del mondo per aiutarsi ad iniziare la giornata. “Quella droga – spiega James Bibb, assistente professore di psichiatria al Southwestern Medical Center dell'Università del Texas, a Dallas – è la caffeina”.

Una sua ricerca spiega come la caffeina eserciti la sua azione stimolante alterando la biochimica del cervello. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista “Nature”.

“La caffeina – continua Bibb – è la droga auto-somministrata più diffusa nel mondo. E conosciamo ancora poco su come essa agisca all’interno del cervello. Sappiamo solo che dona soddisfazione, può migliorare le facoltà intellettive e le prestazioni e allo stesso tempo induce dipendenza”.

Gli effetti del caffè mattiniero come quelli della cocaina? Certo, pochi sarebbero disposti ad ammetterlo, ma la ricerca sta mostrando che i due stimolanti alterano in maniera simile una specifica attività di segnalazione nel cervello.
I ricercatori hanno usato topi modificati privati del gene DARPP-32, che codifica per una proteina nota per il suo ruolo nella dipendenza dalle droghe, allo scopo di esplorare gli effetti stimolanti della caffeina. Topi normali, a cui è stata distribuita una dose di caffeina pari a 7,5 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo, hanno manifestato un notevole aumento nella locomozione e nella mobilità per periodi fino a 100 minuti. La dose è l'equivalente di circa tre tazze di caffè (americano) per un uomo di 65 chilogrammi.
Quando i ricercatori hanno fornito la stessa dose ai topi geneticamente modificati, l'effetto è stato molto piccolo. Solo raddoppiando la dose è stato possibile osservare effetti di intensità paragonabile.
I risultati sono simili a quelli di uno studio precedente sulla cocaina, che ha esplorato lo stesso canale biochimico.

D’altronde è già noto da tempo come l'effetto stimolante della caffeina provenga dalla sua capacità di bloccare recettori nel cervello, per esempio quello per l'adenosina.

NDR: E dire che in certe pubblicità le ricerche scientifiche citate consigliano 4 tazze al giorno. Dificile fidarsi delle ricerche sponsorizzate..





 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online