Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Dire le bugie: che fatica!

Versione stampabile Segnala ad un amico

Dire le bugie è molto faticoso, soprattutto per il nostro cervello!

Un esperimento, tenutosi presso l'università della Pennsylvania, ha impiegato la tecnica della risonanza magnetica funzionale per rendere visibili le zone del cervello nel momento in cui viene pronunciata una bugia.

L’idea di ricorrere a questa tecnica è venuta a Daniel Langleben dell’università di Pennsylvania, negli Stati Uniti, allo scopo di mettere a disposizione della giustizia una tecnica ancora più affidabile e precisa della classica “macchina della verità”.
«Gli strumenti attualmente usati per verificare la veridicità delle dichiarazioni si basano sulle variazioni del battito cardiaco, della pressione sanguigna, della respirazione e della resistenza elettrica della pelle. Ma sono fattori che possono cambiare notevolmente da persona a persona, e questo rende più complicato stabilire se qualcuno sta dicendo la verità o sta mentendo», spiega Langleben. Così, il ricercatore ha chiesto la collaborazione di 18 persone, e ha dato inizio alla sua sperimentazione. A tutti ha consegnato un oggetto, pregandoli di nasconderlo in tasca. Subito dopo, ha mostrato loro una serie di immagini, inclusa quella dell’oggetto nascosto. In base alle istruzioni ricevute all'inzio del test, i volontari dovevano negare che le immagini che stavano vedendo avessero a che fare con l’oggetto nascosto, anche quando sotto gli occhi avevano proprio la fotografia di ciò che stava nelle loro tasche.
«Mentre guardavano l’immagine dell’oggetto in questione, e dicevano che non corrispondeva a quello nascosto, la risonanza magnetica funzionale mostrava un forte incremento dell’attività in molte zone del cervello, comprese l’area anteriore della corteccia e quella frontale superiore destra», spiega Langleben alla rivista New Scientist.

Ciò significa che dire una bugia comporta un super-lavoro cerebrale. «È probabile che, per poter elaborare l’inganno, il cervello debba prima inibire la verità, che sarebbe invece la risposta più istintiva.

Curiosamente questo concorda con la definizione tradizionale di bugia, che risale ai tempi di Sant’Agostino: “L’inganno è la negazione della verità”».


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online