Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci L’87 % dei nuovi farmaci ha effetti collaterali non studiati

Versione stampabile Segnala ad un amico

Fino a 10 anni dalla loro immissione in commercio, i farmaci possono provocare effetti collaterali sconosciuti.

Una associazione di
utenti americana, Public Citizien, in collegamento con il gruppo di
Ralph Nader ha recentemente fatto una scoperta sconvolgente: l’87 % dei nuovi farmaci e dei nuovi vaccini hanno effetti collaterali NON
studiati. Ciò significa che questi farmaci hanno effetti collaterali
non completamente noti, per cui

 a) è pericoloso assumerli

 b) non è etico da parte dei medici prescriverli.

Spieghiamoci meglio. Le
fasi per lo studio di un farmaco sono 4 : la fase IV ( detta
post-commercializzazione) è fondamentale perché permette di
evidenziare su tutti i farmaci nuovi effetti collaterali che non erano
stati evidenziati durante le fasi di studio precedenti (infatti, nella
fase IV si hanno da un lato più pazienti sotto studio, dall’altro i
pazienti sono seguiti per un maggior periodo di tempo). Il compiere
studi di fase IV fa parte quindi del processo fondamentale per
l’approvazione e la prescrizione sicura da parte dei medici dei nuovi
farmaci. Se questi studi evidenziassero che il farmaco ha effetti
collaterali pericolosi, il farmaco sarebbe ritirato dal commercio. A
questo punto sorge una domanda: ma questi studi vengono effettivamente
compiuti?

Vaccinetwork consiglia di
NON assumere nuovi farmaci prima di 10 anni dalla loro immissione in
commercio, a meno che NON siano assolutamente indispensabili, in modo da
essere sicuri che tutti gli effetti collaterali siano già stati
scoperti. Per sapere da quanto tempo un farmaco è immesso in commercio,
occorre consultare l’Informatore farmaceutico ( ogni farmacia ne ha
uno, ed ogni medico dovrebbe averne una copia aggiornata).



(tratto da "VIA" del 17.04.2000)

 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online