Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione - Dieta vegetariana e vitamine

Versione stampabile Segnala ad un amico

E' vero che l'alimentazione vegetariana è fonte di pericolose carenze?  

Di
Luciano Rizzo

La dieta
vegetariana è la più proteggente nei confronti dei tumori e delle
malattie croniche. La comunità scientifica, però, l’ha sempre
considerata fonte di pericolose carenze.


Quali i
motivi di queste carenze?


-        
Lo stress psichico continuo cui siamo sottoposti dal nostro stile
di vita errato mantiene sotto sforzo le ghiandole surrenali. Esse
secernono l’adrenalina necessaria a produrre l’energia che ci fa
funzionare. L’adrenalina è sintetizzata da precursori fondamentali, tra
cui molti minerali. Di conseguenza il nostro fabbisogno di minerali
aumenta.

-        
Le coltivazioni intensive e l’uso di concimi chimici hanno
progressivamente impoverito la terra. I vegetali presenti sulle nostre
tavole hanno un contenuto di minerali inferiore.

-        
Abitudini di vita errate aumentano il fabbisogno di nutrienti: non
seguire il ritmo notte giorno ma soprattutto non rispettare le pause di
riposo che richiede l’organismo portano a maggiori necessità
energetiche e metaboliche.

-        
Inquinamento e campi elettromagnetici mantengono il corpo in uno
stato di continuo compenso. Lo stress del sistema immunitario significa
maggior necessità di metabolici.

-        
L’attività fisica aumenta il bisogno di nutrienti:
l’estremizzazione e l’obbligo di fare risultato ad ogni livello e in
qualsiasi sport aumenta il consumo di oligoelementi.

-        
La colite è la malattia del secolo. E’ dovuta all’alterazione
della flora intestinale (disbiosi). I fermenti lattici normalmente
producono le vitamine del gruppo B necessarie alla nostra salute. Ciò non
avviene in caso di colite. Aumenta quindi il fabbisogno di vitamine
esogene.

-        
Lieviti sbagliati invece producono tossine, che devono essere
neutralizzate, con forte perdita d’energia e di metabolici che devono
essere reintegrati.

-        
L’infiammazione intestinale cronica provoca malassorbimenti. In
questo caso c’è una maggior necessità di micronutrienti perché
passano con più difficoltà attraverso i villi della mucosa
dell’intestino tenue.

-        
Gli ambienti fumosi distruggono le riserve di antiossidanti.
Aumenta enormemente il fabbisogno delle vitamine C ed E.

-        
L’alimentazione quotidiana di vasti strati della popolazione è
poco varia. Mangiare ogni giorno pasta, pane e zucchero raffinati può
portare a pericolose carenze di minerali e vitamine. Diventano necessari
cibi d’origine animale, che compensano le carenze ma aumentano
l’introito di calorie e sostanze tossiche, affaticando il metabolismo.
In
pratica viviamo in una situazione in cui il fabbisogno di nutrienti è
aumentato mentre l’alimentazione ne fornisce sempre di meno. Vediamo
quindi che per essere vegetariani è fondamentale uno stile di vita
corretto e una buona funzionalità dell’apparato digerente. Bisogna
avere un’adeguata conoscenza del contenuto di nutrienti dei vegetali e
variare ogni giorno i cibi introdotti. In tal modo tutti i microelementi
necessari sono assunti e non ci sono carenze.

 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online