Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Acrilamide nella pasta e nelle patate fritte?

Versione stampabile Segnala ad un amico

Altri problemi dai cibi trattati industrialmente?  

Scienziati
svedesi del dipartimento di chimica ambientale dell'Università di
Stoccolma hanno riscontrato alti tassi di acrilamide, una sostanza che
si ritiene cancerogena, in alimenti consumati da milioni di persone in
tutto il mondo, come pane, riso e patate. La notizia è stata riferita
da tutti gli organi di stampa svedesi a partire dal 23 aprile 2002.

Si
tratterebbe un'ampia gamma di prodotti da forno e fritti, quali
patatine, crostini, biscotti, cereali da colazione cotti ad alte
temperature.. Invece non è stato trovato nei cibi crudi e in quelli
bolliti. Non s'erano mai registrati prima simili livelli di acrilamide
nei cibi.

Al
momento non ci sono prove convincenti che l'acrilamide, la sostanza
prodotta friggendo o cuocendo alcuni cibi, provochi il cancro negli
uomini. È il commento della Fao che invoca cautela sull'allarme
patatine fitte e pane tostato lanciato dallo studio svedese.

Invece
l'Agenzia intenazionale per la ricerca sui tumori (Iarc) classifica l'acrilamide
come un 'probabile cancerogeno per gli uomini'".

La
sostanza non si riscontra nei cibi crudi e in quelli bolliti a 100°.

 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online