Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Editoriali Ospedali pericolosi

Versione stampabile Segnala ad un amico

Di più nel weekend
-
2015

Se il ricovero avviene durante i fine settimana il paziente ha più possibilità di morire nei trenta giorni successivi. Non è un allarme ma il cosiddetto “effetto weekend” è stato dimostrato da uno studiopubblicato sulla rivista Bmj Quality & Safety. Secondo i dati raccolti, il fenomeno si estende in molti paesi del mondo, e non ha visto variazioni significative con il passare del tempo. Lo studio, infatti, si è avvalso delle informazioni ottenute da quasi tre milioni di cartelle cliniche aperte tra il 2009 e il 2012 in 28 policlinici universitari sparsi tra Olanda, Inghilterra, Australia e Stati Uniti d’America.
L’attenzione dei ricercatori inglesi si è soffermata soprattutto sulle differenze esistenti nei tassi di mortalità a 30 giorni tra ricoveri di elezione, cioè programmati, in reparti di chirurgia e accessi d’emergenza agli stessi servizi ospedalieri. Istintivamente si potrebbe pensare che i ricoveri di emergenza comportino un rischio di decesso più alto, nel breve periodo. Tuttavia non è esattamente così, come spiegato dai ricercatori. In alcune nazioni, infatti, il rischio è risultato effettivamente legati ai ricoveri urgenti. In altre questo fenomeno non è stato riscontrato.
In caso di emergenza, il ricovero è più “rischioso” in Inghilterra, Stati Uniti e Olanda dove, se il problema di salute si presenta durante il fine settimana, il rischio di morte sale, rispettivamente, dell’8, 13 e 20 per cento. Per quanto riguarda l’Olanda, inoltre, un certo aumento del rischio è stato registrato anche per i pazienti ammessi nei reparti di chirurgia il venerdì per interventi programmati. In questo caso, rispetto al lunedì, il rischio di morte è stato rilevato del 33 per cento più elevato.
I ricercatori hanno formulato l’ipotesi che queste differenze di mortalità a 30 giorni potrebbero essere legate al più difficile accesso ad alcune prestazioni diagnostiche, strumentali e di laboratorio durante il fine settimana. Un secondo “fattore di rischio” potrebbe essere costituito dal personale, ridotto durante il weekend e, probabilmente, giovane e con minore esperienza diagnostica.
Più sicuri sembrano essere gli ospedali australiani dove non è stata rilevata differenza nella mortalità a 30 giorni dal ricovero, a prescindere dal giorno di ammissione o dal motivo dell’accesso ai reparti di chirurgia. Un aumento del 12 per cento della mortalità a sette giorni è stato rilevato invece in caso di ricovero al sabato.
Gli autori della ricerca hanno sottolineato che comprendere meglio queste dinamiche è molto importante, dal momento che (se confermati) rimuovendo i fattori di rischio ipotizzati in questo studio, sarebbe possibile evitare almeno 140 decessi ogni 40.000 pazienti trattati ogni anno.
Riferimenti: Bmj Quality & Safety doi:10.1136/bmjqs-2014-003467

http://www.galileonet.it/2015/07/ospedali-il-rischio-di-farsi-ricoverare-nei-week-end/


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online