Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Infanzia Il sonnellino per i bambini

Versione stampabile Segnala ad un amico

Modifica il sonno notturno

-
2015

Riposino pomeridiano sì o no? Se c’è una domanda che ancora lascia le famiglie piene di dubbi è questa, e con una rapida ricerca online non tarderete a trovare molto materiale sulla linea del “sonnellino, meglio evitarlo?”, o al contrario “il pisolino fa bene, vi spieghiamo perché”. Eppure, come per molti altri argomenti legati alle abitudini in età pediatrica, è difficile in mancanza di una concreta base scientifica trovare una risposta che sia univoca, che vada bene per tutti i bimbi.

In questa direzione è andata una recente analisi pubblicata sulla rivista Archives of Disease in Childhood: i ricercatori hanno selezionato 781 studi tutti inerenti il sonno pediatrico, per poi selezionare tra questi i 26 più rilevanti, riguardanti nello specifico i bambini più grandi di due anni. Ne è emerso che dopo quest’età la maggior parte del sonno viene speso durante la notte e che far fare il pisolino ai bimbi durante il pomeriggio fa sì che nelle ore notturne dormano meno e si sveglino più spesso. Non siamo stupiti: in fondo accade lo stesso se a dormicchiare durante la giornata è una persona adulta, è capitato a tutti di farlo e di faticare poi a prendere sonno all’ora abituale alla sera.

Ma che consiglio può trarne una famiglia che non sa se lasciare indugiare il figlio/a nei sonnellini, o ha la possibilità di scegliere se farglieli fare all’asilo oppure no? Che è magari preoccupata sulle conseguenze di un sonno “a rate”, sia a breve che a lungo termine? “Intanto bisogna premettere che si tratta di una revisione della letteratura sull’argomento e non di uno studio prospettico ad hoc. I risultati, perciò, vanno presi con le pinze” spiega Federico Vigevano, direttore del Dipartimento di Neuroscienze all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

“Un bambino che dorme nel pomeriggio avrà più difficoltà ad addormentarsi la sera, si sveglierà più spesso ed è in questi termini che la qualità del sonno diminuisce. Ma questo è piuttosto ovvio: un bambino come un adulto ha delle necessità in termini di ore di sonno durante la giornata». Se farà il pisolino dormirà meno la notte insomma, e viceversa. Sonnellino sì o no quindi? “I ricercatori sono andati a vedere come cambia il sonno notturno, conteggiando per esempio quante volte i bambini si svegliano di notte se hanno già dormito di giorno. Ma specificano che, oltre alle ovvie conseguenze, sono solo cinque dei 26 studi osservati a parlare di comportamento e delle conseguenze che i pisolini possono avere su di esso”.

Privazione del sonno, cosa succede poi

E ne emergono visioni contrastanti: se secondo una pubblicazione i bambini che fanno il sonnellino sviluppano meglio il linguaggio, secondo un’altra avviene il contrario. Un’altra ancora ha riscontrato prestazioni migliori nei bimbi che riposavano durante la giornata. “Questo è il problema più importante, che ancora ci lascia senza novità: si analizza solamente come cambia il sonno notturno, ma non è chiar se c’è un’influenza sul comportamento o sulla crescita, e quale potrebbe essere”, spiega Vigevano.

Le conseguenze della privazione del sonno, a prescindere dal motivo (sonnellino o non) sono già piuttosto note. “Un bambino stanco sarà iperattivo, avrà maggiori difficoltà ad accettare le regole. Sul piano organico invece è stato osservato che se dorme di meno mangia di più. Aumenta l’appetito, aumenta l’irritabilità e con essi i problemi comportamentali. Un esempio, anche se spesso non ci si pensa, è la cefalea: esiste anche in età pediatrica e nulla facilita il mal di testa più della carenza di sonno”.

Qual è insomma la posizione degli esperti, in merito al pisolino pomeridiano sui bambini più grandi di due anni? Riusciamo a dire un sì o un no? “In genere si è d’accordo sul farglielo fare fino ai quattro, cinque anni. E come si legge nello studio, va considerata anche una variabile per così dire ‘egoistica’. Un bambino che non dorme la notte non fa addormentare neanche i genitori, condizionandone non solo il sonno ma il benessere, i ritmi di vita. Togliere il sonnellino porta così a un sonno notturno migliore per il bambino ed evita sia disturbato quello della famiglia, e questo è l’unico vero vantaggio di cui si possa parlare al momento. Se il bambino dorme bene durante la notte questo si ripercuote in maniera benefica su entrambi i genitori. Quindi alla fine anche su di lui”.

@Eleonoraseeing


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Infanzia
· Ultime news


Articolo più letto su Infanzia:
Maschio o femmina?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online