Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Pistacchi protettivi

Versione stampabile Segnala ad un amico

Contro lo stress e la pressione alta
-
2014

LM&SDP
Lo stress può avere diversi e numerosi effetti negativi sulle persone e la salute. Tra i tanti, c’è la risposta cardiovascolare, con una costrizione vascolare che si mostra più evidente e pericolosa nelle persone con diabete di tipo 2.
Ecco quanto scoperto dai ricercatori della Penn State, coordinati dalla prof.ssa Sheila G. West, insegnante di biobehavioral health and nutritional sciences.

«Negli adulti con diabete, due porzioni di pistacchi al giorno riducono la costrizione vascolare causata dallo stress e migliorano il controllo neurale del cuore – spiega la dott.ssa West – Anche se la frutta secca è ricca di grassi, contiene grassi buoni, fibre, potassio e antiossidanti. Dato l’elevato rischio di malattie cardiache nelle persone con diabete, in questa popolazione la frutta secca è una componente importante di una dieta sana per il cuore».

West e colleghi hanno studiato gli effetti dei pistacchi sulle risposte a compiti di stress standardizzati nei pazienti con diabete di tipo 2, tenuto sotto controllo, che erano in buona salute. I partecipanti hanno seguito due settimane di dieta tipica americana contenente il 36% di grassi e il 12% di grassi saturi. Dopo questa prima fase, i volontari sono stati suddivisi a caso in due gruppi. Ogni gruppo avrebbe seguito una diversa dieta sperimentale studiata dai ricercatori.
Le diete di prova facevano parte di una dieta standard sana per il cuore, e comprendevano il 27% di grassi e il 7% di grassi saturi. Una delle due diete però comprendeva anche due porzioni al giorno di pistacchi equivalenti a circa 85 g, o il 20% delle calorie. Questa dieta arricchita dai pistacchi conteneva il 33% di grassi e il 7% di grassi saturi. Il tipico partecipante alla ricerca ha consumato circa 150 pistacchi al giorno, di cui la metà erano salati e l’altra metà senza sale. Alla fine di ciascun periodo di dieta di quattro settimane, i ricercatori hanno misurato la pressione arteriosa e le resistenze vascolari periferiche totali a riposo e durante due prove di stress: una sfida con l’acqua fredda, consistente nell’immergere una mano nell’acqua gelida per due minuti, e una prova aritmetica che creava confusione mentale.
«Dopo la dieta pistacchio, i vasi sanguigni sono rimasti più rilassati e aperti durante le prove di stress», ha commentato West.

I risultati finali sono stati pubblicati sul Journal of American Heart Association e mostrano che le misure reali della pressione arteriosa erano significativamente più basse dopo la dieta pistacchio.
«Abbiamo scoperto che la pressione arteriosa sistolica durante il sonno è stata particolarmente influenzata dai pistacchi – ha spiegato la dott.ssa Katherine A. Sauder, che ha condotto queste misurazioni – La pressione sanguigna media durante il sonno è stata ridotta di circa 4 punti, e questo dovrebbe ridurre il carico di lavoro sul cuore».

In generale, i ricercatori hanno scoperto che la dieta pistacchio ha ridotto la costrizione vascolare durante lo stress – specie nella sfida con l’acqua gelida. Quando infatti le arterie sono dilatate, questo riduce il carico sul cuore.
«Questo stress del freddo produce una grande risposta da costrizione vascolare nella maggior parte delle persone. In confronto con una dieta a basso contenuto di grassi, la dieta pistacchio ha ridotto la risposta vascolare allo stress – sottolinea West – I nostri partecipanti si sono anche sentiti frustrati e arrabbiati durante la prova di matematica. La dieta pistacchio [anche in questo caso] ha ridotto le risposte dei loro corpi allo stress, tuttavia i pistacchi non sono una cura per il disagio emotivo che proviamo nella nostra vita quotidiana».

I ricercatori hanno anche registrato miglioramenti nella variabilità della frequenza cardiaca, una misura di come il sistema nervoso controlla la funzione del cuore. Questi dati indicano che i pistacchi aumentato l’attività del nervo vago, una parte importante del sistema nervoso parasimpatico che può essere danneggiato dal diabete.
«Se sostenuti con il trattamento a lungo termine, questi miglioramenti della pressione arteriosa nel sonno, la risposta vascolare allo stress e il controllo vagale del cuore, potrebbero ridurre il rischio di malattia di cuore in questo gruppo ad alto rischio», conclude la prof.ssa West.

http://www.lastampa.it/2014/08/04/scienza/benessere/alimentazione/i-pistacchi-riducono-la-risposta-negativa-del-corpo-allo-stress-tQrBNSNQ3p3prTf9wBU7sN/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online