Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Prevenire l'Alzheimer

Versione stampabile Segnala ad un amico

Alcune regole utili a prevenire questo flagello
-
2014

LM&SDP
La malattia di Alzheimer è una di quelle patologie di cui tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta. Ne abbiamo sentito perché è una tra le più gravi forme di demenza che si possono sviluppare e con conseguenze drammatiche per chi ne è colpito e per i familiari della vittima.
Dell’Alzheimer non esiste cura allo stato attuale delle cose, sebbene la ricerca abbia già compiuto diversi passi avanti. Per cui, il modo migliore di combattere l’Alzheimer rimane, a oggi, la prevenzione.

Ed è proprio in direzione della prevenzione che va un lavoro appena pubblicato sulla rivista Neurobiology of Aging e condotto da un team internazionale di ricercatori coordinati dal prof. Neal D. Barnard della George Washington University School of Medicine. In questo lavoro, gli scienziati hanno elaborato una serie di 7 linee guida che possono essere una possibile arma di prevenzione.
Le regole d’oro presentate dai ricercatori fanno seguito alla richiesta fatta loro durante la scorsa International Conference on Nutrition and the Brain – tenutasi a Washington il 19-20 luglio 2013 – di trovare un insieme di pratiche e misure, seppur preliminari, da consigliare al pubblico.

Ora, Barnard e colleghi, hanno stilato queste regole che coinvolgono l’alimentazione e l’attività fisica, visto che anche diversi studi precedenti hanno suggerito come lo stile di vita e fattori dietetici possano aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.
Per stile di vita e dieta sani, i ricercatori intendono la riduzione dell’assunzione di grassi saturi e grassi trans, che ritroviamo in grandi quantità nei dolci industriali e nei cibi fritti; mangiare invece molte verdure, legumi, frutta e cereali integrali; e poi noci e frutta secca per aumentare le dosi di vitamina E. Ma anche carne (in misura limitata), salmone, merluzzo, latte, formaggio e uova per ottenere buone dosi di vitamina B12.

Una menzione a parte meritano gli integratori vitaminici: su questo fronte, gli esperti consigliano di scegliere integratori che non contengano ferro o rame. E’ anche importante scongiurare l’assorbimento di alluminio evitando per quanto possibile l’uso di farmaci antiacido, pentole, lieviti in polvere o altri prodotti che contengano alluminio.
Secondo il prof. Barnard, la malattia di Alzheimer non è una parte naturale dell’invecchiamento e rimanendo attivi e mangiando sano si potrebbe contribuire a riscrivere il nostro codice genetico per questa straziante malattia.

Altro suggerimento fondamentale è quello di mantenersi attivi: secondo Barnard e colleghi, l’ideale è camminare a passo svelto per almeno 40 minuti, tre volte alla settimana. E poi dormire almeno sette ore ogni notte e mantenere la mente attiva dedicando 30-40 minuti di attività come i cruciverba e simili che sono un toccasana per la salute del cervello.
Queste semplici regole, che prevedono una dieta sana e un regolare esercizio, secondo i ricercatori sono un buon modo per ridurre il rischio di sviluppare la demenza o la malattia di Alzheimer.

http://www.lastampa.it/2014/05/29/scienza/benessere/medicina/le-regole-doro-per-combattere-lalzheimer-PLwxtELxe4EF7I410riZDI/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online