Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Cibi ricchi di fosfati pericolosi

Versione stampabile Segnala ad un amico

Latticini e soft drink causa di alterazioni ormonali..
-
2014


Ci sono alimenti che possono davvero far potenzialmente male. E non stiamo parlando del solito cibo spazzatura, o quello ricco di grassi o zuccheri, ma di cibi che possono passare inosservati.
Sono i cibi che contengono consistenti quantità sostanze come fosfati, calcio e sodio. L’accumulo nel corpo di questi componenti è stato collegato al rischio di ipertensione (o pressione alta), calcificazione delle arterie e malattie cardiovascolari.

Il fattore di rischio è, a sua volta, associato ai livelli dell’ormone FGF23, che s’innalza proprio grazie a una dieta ricca di fosfati. I cibi che sono naturalmente ricchi di fosfati sono il formaggio fuso (formaggini, fette e simili), il formaggio grana – o parmigiano – le bevande tipo Cola, il lievito e altri cibi più elaborati.
I fosfati sono ampiamente utilizzati nell’industria alimentare come conservanti e stabilizzanti del pH. Il problema è che quando si assumono grandi quantità di fosfati viene stimolata la produzione dell’ormone FGF23. E proprio questo ormone si ritiene abbia un effetto negativo sul sistema cardiovascolare.
«Il nostro consumo di fosfato è rilevante per il nostro stato di salute», avverte il prof. Reinhold Erben, il capo dell’unità di Fisiologia, Fisiopatologia e Biofisica presso l’Università Vetmeduni di Vienna.

Durante lo studio, i ricercatori hanno trovato che FGF23 svolge un cosiddetto effetto di conservazione del sodio, ossia che controlla il riassorbimento nei reni del sodio filtrato.
I test condotti su modello animale hanno mostrato che quelli privi di FGF23 espellono una maggiore quantità di sodio con le urine, con conseguente abbassamento della pressione sanguigna. Al contrario, i soggetti con alti livelli di FGF23 presentano alti livelli di sodio nel sangue e una conseguente elevata pressione sanguigna.
«Nei pazienti con malattia renale cronica – sottolinea Erben – sia i livelli di fosfato che i livelli di FGF23 sono cronicamente elevati. Questo spesso porta a malattie cardiovascolari».

Il problema dei depositi di calcio, poi, era già stato evidenziato in un precedente studio condotto dallo stesso team e pubblicato anch’esso sulla rivista EMBO Molecular Medicine. Qui, il prof. Erben e colleghi hanno dimostrato che FGF23 controlla anche i livelli di calcio. Al pari del sodio, il calcio è filtrato nei reni e riassorbito nel corpo. Ma se questo riassorbimento non avviene, il corpo perde il calcio. In più, alte concentrazioni di FGF23 portano a un aumento dei depositi di calcio da parte dei reni che si traduce in calcificazione vascolare.
Ecco dunque come la scelta dei cibi possa essere fondamentale anche nel caso dell’ipertensione e le malattie vascolari indotti da un eccesso di sostanze che, in altri casi, sono utili all’organismo.

http://www.lastampa.it/2014/05/07/scienza/benessere/alimentazione/gli-alimenti-ricchi-di-fosfati-fanno-aumentare-la-pressione-del-sangue-hurC2Ep922ASaaMkjanXiJ/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online