Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Tumori I grassi saturi favoriscono il tumore al seno

Versione stampabile Segnala ad un amico

Non lo favoriscono invece quelli insaturi La dieta ricca di grassi saturi aumenta il rischio di cancro al seno
Una nuova ricerca guidata dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano condotta su oltre 10.000 donne con tumore al seno provenienti da dieci Paesi europei, mostra come una dieta ad alto contenuto di grassi saturi aumenti in modo significativo il rischio di tumore al seno
I grassi nella dieta. Da sempre dibattuti a causa del controverso effetto sulla salute, oggi sono nuovamente messi sotto accusa da uno studio italiano condotto dai ricercatori dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, guidati da Sabina Sieri della struttura di Epidemiologia e Prevenzione del Dipartimento di Medicina Predittiva e Preventiva.

Oggetto della ricerca i grassi saturi. Sono essi infatti a essere stati trovati aumentare in modo significativo il rischio di tumore al seno; rischio che è risultato più elevato nelle donne che sviluppano tumori della mammella ormono-dipendenti.
Lo studio ha coinvolto più di 10mila donne che hanno sviluppato un cancro al seno tra le oltre 300mila partecipanti provenienti da dieci Paesi europei parte del progetto europeo EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition). Le pazienti sono state seguite per più di 11 anni.

Dai dati raccolti è emerso che il maggior rischio di sviluppare un tumore al seno, per chi consuma elevate quantità di grassi saturi, è del 14%. Tuttavia, considerando i sottotipi tumorali, il rischio aumenta del 28% e del 29% nelle donne che sviluppano tumori della mammella, rispettivamente con recettori positivi per gli estrogeni (ER+) e per il progesterone (PR+) e con recettori negativi per il fattore di crescita dell’epidermide (HER2-).
L’ipotesi di una relazione tra consumo di grassi e tumore al seno risale agli anni Settanta quando si osservò che nei Paesi a maggior consumo pro capite di grassi era molto più alta l’incidenza della malattia. Per decenni, gli studi epidemiologici sull’argomento hanno dato risultati contrastanti.
Ora il nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of National Cancer Institute, risolve molte delle controversie e fa luce sui possibili meccanismi dell’aumentato rischio: sono i grassi saturi da fonti animali i principali responsabili. Cosa che non è per gli oli vegetali.
L’aumento di rischio riguarda soprattutto i sottotipi di tumore al seno che rispondono a terapie ormonali.

I risultati supportano dunque l’ipotesi che una dieta ad alto contenuto di grassi aumenti i livelli di estrogeni e pertanto stimoli maggiormente lo sviluppo di tumori ormono-dipendenti.
«Questo lavoro dimostra l’importanza strategica degli studi epidemiologici – commenta Marco Pierotti, Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano – investendo sui quali si ottengono risultati rilevanti non solo per la definizione di corretti stili di vita, ma anche per la comprensione dei meccanismi di insorgenza dei tumori, come in questo caso per un sottotipo di tumore al seno».
Il suggerimento che arriva dagli esperti è quello di ridurre il consumo di grassi saturi che provengono in gran parte da carni e latticini. In una dieta equilibrata i grassi saturi non devono superare il 10% delle calorie giornaliere.

Sul tumore del seno
Non considerando i carcinomi cutanei, il carcinoma mammario è la neoplasia più diagnosticata nelle donne, in cui circa un tumore maligno ogni tre (29%) è un tumore mammario. I tumori della mammella rappresentano il tumore più frequentemente diagnosticato tra le donne in tutte le fasce di età. Il carcinoma mammario è la prima causa di morte per tumore nelle donne. La sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi, indipendentemente da altre comorbidità è in moderato e costante aumento da diversi anni: 78% per le donne ammalate dal 1990 al 1992, 87% dal 2005 al 2007 (Fonte: I numeri del cancro in Italia 2013, Aiom, Airtum).
Circa il 60% dei tumori della mammella sono positivi per gli estrogeni (ER+) e per il progesterone (PR+). Questi tipi di tumori sono considerati tumori ormono-dipendenti e rispondono alle terapie endocrine.
Circa il 20-25% dei tumori della mammella esprimono il recettore 2 per il fattore di crescita epidermico umano (HER2). Questi tumori tendono ad essere più aggressivi e ad avere una crescita più rapida. Per le donne con recettore HER2 positivo l’Erceptina ha mostrato una riduzione delle ricorrenze.

Lo studio EPIC
Questo lavoro fa parte del più ampio progetto EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition), studio internazionale che mira a fare luce sulla relazione tra dieta, stile di vita, fattori ambientali e incidenza di cancro e di altre malattie croniche. EPIC è il più grande studio tra alimentazione e salute mai intrapreso e vede coinvolti più di mezzo milione di persone (520.000) provenienti da dieci Paesi europei: Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Lo studio. “Dietary Fat Intake and Development of Specific Breast Cancer Subtypes” - Journal of National Cancer Institute, 9 APRILE 2013

http://www.lastampa.it/2014/04/10/scienza/benessere/salute/la-dieta-ricca-di-grassi-aumenta-il-rischio-di-cancro-al-seno-FszRdY3Y4aIN4yC8VmIvMK/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online