Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Odontoiatria Naturale Denti e ragionamento

Versione stampabile Segnala ad un amico

La loro salute è legata al declino cognitivo
-
2013

LM&SDP
La salute della bocca, intesa come denti e gengive, è fondamentale per molti motivi.
Abbiamo già trattato la correlazione che c’è per esempio tra questa e i problemi posturali, le vertigini e altri sintomi più o meno eclatanti, ma un nuovo studio suggerisce che una scarsa salute orale possa anche essere collegata a problemi di pensiero e cognitivi.
Gli scienziati del department of dental ecology presso l’University of North Carolina a Chapel Hill, hanno infatti scoperto che una perdita di denti e gengive sanguinanti potrebbero essere un segno di declino nella capacità di pensiero nella mezza età.

«Eravamo interessati a valutare se le persone con problemi di salute dentale avessero una funzione cognitiva relativamente più scarsa, che è un termine tecnico per definire quanto se la cavano le persone con la memoria e con la gestione di parole e numeri – ha spiegato il dott. Gary Slade, coautore dello studio – Quello che abbiamo trovato era che per ogni dente in più che una persona aveva perso o avesse rimosso, la funzione cognitiva è scesa di un po’».

«Le persone che non possedevano più alcuno dei loro denti avevano una funzione cognitiva più scarsa delle persone che avevano ancora i propri denti – aggiunge Slade – e le persone con meno denti avevano una cognizione altrettanto scarsa di quelli con più denti. Lo stessa cosa valeva quando abbiamo esaminato i pazienti con malattia gengivale grave».

Slade e colleghi hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista The Journal of American Dental Association, in cui si riportano i dati ricavati dall’analisi che comprendeva prove di memoria e capacità di pensiero, nonché l’esame di denti e gengive, condotti su quasi 6.000 uomini e donne di età compresa tra i 45 ei 64 anni.
Dai dati ottenuti si scopre che circa il 13% dei partecipanti non possedeva denti naturali. Tra quelli che conservavano i propri denti, un quinto ne possedeva meno di 20 – tenuto conto che un adulto medio possiede 32 denti, compresi i denti del giudizio. Più del 12% dei partecipanti, poi, aveva problemi di sanguinamento gengivali gravi e tasche gengivali profonde.

In seguito ai test cognitivi eseguiti sui partecipanti si è infine scoperto che coloro con in bocca ancora i propri denti conseguivano maggiori e migliori punteggi sulla memoria e il pensiero, tra cui il richiamare alla mente parole, la scioltezza di linguaggio e l’abilità con i numeri. Al contrario, coloro che non possedevano più i denti registravano i punteggi più bassi. Ulteriormente, coloro che presentavano anche serie emorragie gengivali, oltre ad avere meno denti, riportavano i punteggi peggiori nei test cognitivi, sempre rispetto a coloro che avevano più denti e una migliore salute gengivale.

Anche se una relazione causa/effetto non è stata trovata, e il perché di tutto ciò non è chiaro, i ricercatori ipotizzano che dietro a un deficit cognitivo vi possano essere molteplici fattori.
«Potrebbe essere – ipotizza Slade – che la scarsa salute dentale rifletta una dieta povera, e che la mancanza dei cosiddetti “cibi per la mente”, ricchi di antiossidanti, potrebbe allora contribuire al declino cognitivo. Potrebbe anche essere che una scarsa salute orale possa portare a evitare certi cibi, contribuendo altresì al declino cognitivo».
Secondo Slade, altri motivi possono essere ricercati nell’infiammazione delle gengive che «dà luogo a un’infiammazione non solo nelle gengive, ma in tutto il sistema circolatorio, e in definitiva colpisce la cognizione».

I ricercatori ritengono molto importante quanto scoperto perché potrebbe portare a riconsiderare i fattori di rischio, aggiungendo questi, nelle persone a rischio demenza e malattia di Alzheimer, in particolare quelle tra i 50 e i 60 anni.

http://www.lastampa.it/2013/12/12/scienza/benessere/salute/scarsa-salute-dentale-e-declino-cognitivo-c-una-correlazione-RTR7fmhN68l2E4e3EyYiZN/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online