Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci L'importanza della vitamina D

Versione stampabile Segnala ad un amico

Non solo per le ossa...
-
2013

LM&SDP


La vitamina D è essenziale per una serie di funzioni dell’organismo tra cui la più nota è l’azione sulla formazione e il mantenimento delle ossa. Recenti studi hanno tuttavia messo in evidenza come questa vitamina sia altrettanto importante per altri organi e tessuti: uno di questi è il cervello.

E proprio sull’azione della vitamina D sul cervello si è concentrato un nuovo studio dei ricercatori dell’University of Kentucky, i quali hanno scoperto che una carenza di vitamina D può causare seri danni cerebrali.
Lo studio è stato condotto su modello animale, utilizzando dei topi a cui è stata fatta seguire una dieta povera di vitamina D per diversi mesi. L’osservazione dei processi innescati dalla carenza di vitamina D ha permesso ai ricercatori di individuare un’azione dannosa sul cervello da parte dei radicali liberi in cui si evidenziavano anche danni a molte delle proteine cerebrali.

Non solo i danni alle cellule cerebrali sono stati rilevati per mezzo di strumentazione, ma anche per mezzo di test cognitivi in cui i topi hanno mostrato un significativo calo delle prestazioni, sia cognitive che di apprendimento e memoria.
«Dato che la carenza di vitamina D è particolarmente diffusa tra gli anziani, abbiamo studiato come durante la fase d’invecchiamento tra la mezza età e la vecchiaia bassi livelli di vitamina D abbiano influenzato lo stato ossidativo del cervello – ha spiegato il dottor Allan Butterfield, autore principale dello studio – Livelli sierici adeguati di vitamina D sono necessari per prevenire i danni al cervello da parte dei radicali liberi e le successive conseguenze deleterie».

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Free Radical Biology and Medicine e dimostrano come una carenza di vitamina D possa dunque essere deleteria non solo per le ossa. Precedenti studi, poi, avevano suggerito come bassi livelli di vitamina D siano associati con la malattia di Alzheimer e lo sviluppo di alcuni tumori e malattie cardiache.
Non dimentichiamo pertanto di seguire una dieta che favorisca l’assunzione di questa vitamina e, soprattutto, cerchiamo di esporci di più alla luce solare, possibilmente anche d’inverno.

http://www.lastampa.it/2013/12/04/scienza/benessere/salute/bassi-livelli-di-vitamina-d-collegati-a-danni-cerebrali-LKCjQ3uEgqLr0WwHbRZNYK/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online