Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Come contrastare le abbuffate natalizie

Versione stampabile Segnala ad un amico

Con un pò di moto...
-
2013

LM&SDP
Durante le festività natalizie, le abbuffate, i cibi poco salutari e la sedentarietà dovuta allo stare ore e ore a tavola e poi l’intorpidimento che segue le scorpacciate, possono divenire una miscela esplosiva che causa un bel po’ di seri danni alla salute.
Ma a tutto, e volendo, c’è rimedio: oltre magari moderarsi un po’, si può dedicare un pochino di tempo a fare del movimento – non eccessivo, ma quel tanto che basta a ridurre molti degli effetti negativi innescati dagli eccessi alimentari.

Ecco il consiglio che arriva degli esperti dell’Università di Bath, tra cui i dottori James Betts e Jean-Philippe Walhin, che ritengono come l’esercizio fisico possa avere effetti positivi anche quando abbiamo immagazzinato attivamente energia e aumento di peso.
Questi infatti i risultati dello studio pubblicato sul The Journal of Physiology che ha visto il coinvolgimento di 26 giovani uomini sani invitati a mangiare più del solito.

Prima dell’inizio dello studio i partecipanti sono stati suddivisi a caso in due gruppi: tutti dovevano mangiare molto, ma soltanto la metà di questi doveva anche praticare 45 minuti giornalieri di tapis roulant; gli altri mangiavano e basta. Per assicurarsi che il surplus giornaliero di calorie fosse uguale in entrambi i gruppi, il primo gruppo lo aveva aumentato del 50%, mentre il secondo gruppo (quello che avrebbe fatto esercizio fisico) lo aveva aumentato del 75%.

Dopo una sola settimana di eccesso di cibo i partecipanti sono stati oggetto di analisi al fine di valutare lo stato di salute. Gli appartenenti al primo gruppo – quelli che mangiavano e basta – hanno manifestato un limitato controllo della glicemia e le loro cellule adipose hanno mostrato di avere l’espressione di geni che portano a cambiamenti metabolici insalubri e un equilibrio nutrizionale perturbato. Questi effetti negativi sono però stati nettamente inferiori in coloro che facevano le sessioni giornaliere di tapis roulant, con livelli di zuccheri nel sangue più regolari e un’espressione genica altrettanto regolare.

«La nostra ricerca – sottolinea Jean-Philippe Walhin – dimostra che un breve periodo di eccessi alimentari e una ridotta attività fisica porta a decisi profondi cambiamenti negativi in una varietà di sistemi fisiologici, ma anche che un po’ di esercizio fisico al giorno ferma la maggior parte di questi cambiamenti negativi».



 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online