Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia I segreti della pipì

Versione stampabile Segnala ad un amico

Uno studio sugli schizzi della pipì maschile
-
2013

Nomen, omen. Da un istituto che si chiama Splash Lab non ci si poteva aspettare altro. E i fisici che vi lavorano hanno evidentemente deciso di tenere alto il nome dell'istituzione. "In risposta ai rimproveri ripetuti di madri e mogli", scrivono, "abbiamo analizzato la fluidodinamica degli schizzi d'urina maschile". Roba da IgNobel, è vero. Ma, assicurano gli autori della bizzarra ricerca, che sarà presentata al congresso dell'American Physical Society, dietro l'intera faccenda c'è della scienza reale. Gli scienziati hanno preso a cuore il problema, studiando la fisica che regola la minzione ed elaborando una lista di consigli – alcuni di essi piuttosto ovvi, a dire il vero – per evitare di trasformare la toilette in "un posto disgustoso pieno di pozzanghere e batteri" (senza parlare della questione dei pantaloni maculati).
Per ovvie ragioni, l'équipe ha preferito ricreare un ambiente simulato, mettendo a punto un sistema di serbatoi e ugelli che emettono acqua colorata a velocità e pressione comparabili a quelle di un uomo. Quindi, usando una telecamera ad alta velocità, hanno filmato il momento dell'impatto del fluido: gli schizzi seguono la cosiddetta instabilità di Rayleigh-Plateau, una legge della fluidodinamica secondo la quale un flusso di liquido in caduta libera si divide in una serie di gocce. "Il flusso di urina maschile si 'rompe' 6-7 centimetri circa dopo essere uscito dall'uretra", spiega Randy Hurd, uno degli autori della ricerca. "Per questo motivo, quando colpisce la toilette, l'urina è già in forma di goccioline. Sono loro le responsabili degli schizzi sui vostri pantaloni".
Il consiglio? "Più state vicini, meglio è", dice ancora Hurd. "Se l'impatto con la porcellana avviene quando il flusso di urina è ancora intero, è molto meno caotico". Quindi, maschietti, state seduti. E poco importa se, in Germania, vi daranno degli sitzpinkler, un termine dispregiativo per indicare gli uomini che la fanno da seduti. In risposta, sventolate loro l'articolo di Hurd e colleghi – forse cambieranno idea. O forse no. Comunque, c'è dell'altro. Anche la geometria gioca un ruolo importante. "Per ridurre gli schizzi è importante anche alterare l'angolo di attacco", spiega anora Hurd. "Siate artistici e fate in modo che il flusso rimbalzi verso il basso con l'angolo più stretto possibile". E mirate alle pareti, non all'acqua sul fondo.
L'équipe racconta inoltre di aver scoperto che molti dei detergenti usati per pulire gli orinatoi tendono ad aumentare l'annoso problema degli schizzi, perché riducono la tensione superficiale dell'acqua – quindi, secondo Phys.org, "toilette più sporche potrebbero avere meno schizzi in giro", una tesi che non ci sentiamo di avallare del tutto. In ogni caso, la scienza va avanti. La squadra dello Splash Lab ha intenzione di studiare diversi modelli di toilette e identificare "il miglior approccio per l'uso orinatorio". Un giorno parecchie mogli gliene saranno grate.
Riferimenti: Bulletin of the American Physical Society

http://www.galileonet.it/articles/52803b2da5717a51c20000ff


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online