Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Probiotici dopo gli antibiotici

Versione stampabile Segnala ad un amico

Fondamentali per ripristinare la flora intestinale
-
2013

Gli antibiotici, a cui ricorriamo spesso per fermare o rallentare la proliferazione di batteri nel nostro corpo, sono frequentemente accompagnati da fastidiosi effetti collaterali: diarrea, intestino infiammato, mal di stomaco, nausea, senso del gusto alterato. Ma secondo alcuni scienziati della Cochrane Collaboration, potrebbe esserci un modo per evitare almeno una parte di questi disturbi abbinando l’uso di antibiotici a quello di probiotici, microorganismi che, se somministrati in quantità adeguata, apportano dei benefici alla salute.
Gli scienziati si sono occupati in particolare dei casi di dissenteria causati dal Clostridium difficile, un batterio che si trova normalmente nell’apparato digerente umano, e che viene solitamente confinato da altri tipi di microrganismi, che possono tuttavia essere distrutti da un uso troppo frequente di antibiotici.
Come racconta la BBC, i ricercatori hanno analizzato i dati ottenuti da 23 test clinici che hanno coinvolto più di 4000 pazienti che erano sotto trattamento antibiotico per motivi diversi. I risultati hanno mostrato che solo il 2% dei pazienti che ha preso anche i probiotici ha riportato disturbi causati da Clostridium difficile, contro il 6% di quelli che invece aveva preso un placebo. Lo studio ha anche mostrato che le persone che hanno assunto i probiotici hanno presentato in generale meno effetti collaterali, tra cui crampi allo stomaco, nausea e disturbi del gusto.
Ma il lavoro non finisce qui: secondo gli autori bisogna ancora capire bene il meccanismo con cui funzionano i probiotici, per poi individuare i più adatti da usare nei vari trattamenti. “Stabilire le dosi appropriate di probiotici negli ospedali potrebbe far risparmiare soldi e migliorare la qualità della vita”, ha commentato Bradley Johnston, parte del Cochrane Collaboration team che ha svolto la ricerca.
Riferimenti: The Cochrane Library Doi: 10.1002/14651858.CD006095.pub3

http://www.galileonet.it/articles/51ad98f1a5717a6db1000077


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online