Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Pomodori biologici più nutrienti

Versione stampabile Segnala ad un amico

Contengono più vitamine, nutrienti e minerali -
2013


Nei pomodori coltivati biologicamente si trovano maggiori quantità di vitamina C, licopene e zuccheri, rispetto a quelli coltivati con l’agricoltura tradizionale. Il merito? E’ dello stress
LM&SDP

I pomodori coltivati con metodi biologici pare siano più stressati di quelli coltivati con i metodi tradizionali, ossia da agricoltura intensiva e con il purtroppo sempre onnipresente utilizzo di pesticidi.
Ma lo stress, in questo caso pare sia benefico: infatti il pomodoro Bio risulta contenere più sostanze utili e benefiche come la vitamina C, il noto antiossidante Licopene e composti fenolici totali. Ma non solo, il pomodoro Bio contiene anche più sostanze zuccherine che, in teoria, lo rendono anche più appetibile.

Lo studio, pubblicato sulla rivista PLoS ONE, è stato condotto dai ricercatori brasiliani dell’Università Federale di Ceara, coordinati dalla dottoressa Maria Raquel Alcantara Miranda.
Qui, i ricercatori hanno analizzato e confrontato il peso e le proprietà biochimiche dei pomodori provenienti da aziende biologiche e convenzionali.
L’osservazione di l’analisi dei dati raccolti ha permesso loro di scoprire che i pomodori coltivati in aziende biologiche erano di circa il 40% più piccoli rispetto a quelli coltivati con tecniche convenzionali. Ma, fatto curioso, i pomodori Bio avevano accumulato più composti legati alla resistenza allo stress.

La presenza di composti che rivelano un’azione di resistenza allo stress, secondo gli autori, si spiega con il tipo di coltivazione che, nel caso di quella biologica, espone le piante a maggiore stress, rispetto all’agricoltura tradizionale.
Tutte le sostanze trovate in maggiori livelli sarebbero dunque una conseguenza di una risposta biologica della pianta allo stress.

Lo stress, in questo caso non risulta così deleterio come si potrebbe essere portati a pensare. Non si tratta di uno stress negativo, ma che interessa un po’ tutte le piante che, per esempio, crescono allo stato spontaneo o selvatico – o in modo naturale, se preferiamo.
A motivo di ciò, gli scienziati ritengono che le tecniche di coltivazione per frutta e verdura dovrebbero mirare a ottenere un prodotto di qualità bilanciando lo stress delle piante con gli sforzi per massimizzarne resa e pezzatura dei frutti, piuttosto che perseguire unicamente l’aumento della resa.

http://www.lastampa.it/2013/02/21/scienza/benessere/alimentazione/pomodori-bio-piu-vitamina-c-e-piu-sostanze-antiossidanti-LXe3PiwasPd1z3lDBHNG4J/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online