Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Segnali del corpo Il corpo parla più del viso

Versione stampabile Segnala ad un amico

La postura, i gesti: il corpo possiede un linguaggio tutto suo, interpretabile più di quanto faccia il volto di una persona.
-
2012

Lo suggerisce uno studio pubblicato su Science, secondo il quale quando le emozioni diventano particolarmente intense in una persona, un potenziale osservatore riesce a carpirne il corretto significato – positivo o negativo che sia – soprattutto grazie ai segnali lanciati dal corpo. Le sole espressioni facciali infatti non sono sufficienti per discriminare, ad esempio, tra il vincitore e il vinto di una partita di tennis, e in alcuni casi sono addirittura ingannevoli.
La ricerca, condotta da Hillel Aviezer della Hebrew University di Gerusalemme, ha preso in considerazione come venivano interpretate le emozioni espresse in alcune immagini da un gruppo di volontari. In alcuni casi ai partecipanti veniva mostrata solo la faccia del soggetto rappresentato, in altri solo il corpo e in altri ancora l’intera figura. In tutti le situazione le immagini ritraevano scene di vita dense di emozioni forti, quali possono essere quelle vissute dai giocatori di tennis durante una partita. Gli scienziati hanno osservato che, a dispetto delle aspettative, i partecipanti riuscivano a individuare correttamente il vincitore e il vinto di un match senza problemi quando le immagini loro mostrate erano quelle di intere figure o solo quelle del corpo, mentre non erano in grado di fare altrettanto con le fotografie delle sole facce. Questo nonostante gli stessi volontari dichiarassero che fossero proprio i volti la chiave per interpretare correttamente le emozioni rappresentate.
I risultati sono stati gli stessi anche in un secondo esperimento, in cui le immagini mostrate riguardavano un set più ampio di situazioni emotive, come lo stupore provato difronte a un rinnovo lussuoso della propria casa, il dolore avvertito durante un piercing all’ombelico o lo sconforto sentito durante un funerale. Anche in questo caso, come hanno osservato i ricercatori, le solo facce non permettevano ai partecipanti allo studio di discriminare correttamente tra emozioni positive o negative. Ma non solo: il giudizio dei volontari cambiava a seconda del corpo che veniva abbinato alla faccia, oscillando tra percezioni positive a negative in dipendenza della figura associata al volto. Una dimostrazione questa, come spiegano gli scienziati, di quanto siano fondamentali i segnali lanciati dal corpo in situazioni di grande emotività per esprimere il proprio stato d’animo e perché questi vengano correttamente interpretati dagli altri.
“Questi risultati mostrano che quando le emozioni diventano particolarmente intense”, ha commentato in proposito Aviezer: “Le differenze tra le espressioni facciali positive e negative sfumano. Questi risultati sfidano i classici modelli comportamentali in neuroscienze, economia e psicologia sociale, in cui poli distinti di valenza positiva e negativa non convergono”.

Riferimenti: Science Doi: 10.1126/science.1224313
http://www.galileonet.it/articles/50bb73efa5717a746b000008


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online