Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Tumori Una dieta appropriata può dimezzare i rischi di cancro allo stomaco (nelle donne

Versione stampabile Segnala ad un amico

Molto utili i flavonoidi, nutrienti contenuti in frutta, verdura, legumi e cereali integrali, se consumati in abbondanza
-
2012

MILANO - Frutta, verdura, legumi, noci, cereali integrali: sono i flavonoidi i nutrienti naturali che, secondo un recente studio scientifico, dimezzerebbero in rischio di cancro allo stomaco. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica American Journal of Clinical Nutrition, rivela però che a beneficiare degli effetti antitumorali di tale dieta sarebbero solo le donne.
UNA RICERCA AD AMPIO RAGGIO - Lo studio è stato condotto da un’équipe di scienziati dell’Istituto Catalano di Oncologia, che si sono appoggiati a una ricerca già in corso su un campione di quasi mezzo milioni di uomini e donne in 10 Paesi europei. Tutti i partecipanti avevano un età compresa tra i 35 e i 70 anni, ed erano coinvolti nella ricerca da circa 11 anni. Durante questo arco temporale, si sono registrati 683 casi di cancro allo stomaco, dei quali 288 hanno colpito le donne. Gli studiosi hanno analizzato la dieta alimentare seguita da queste persone, per verificare quale era il suo apporto di flavonoidi, e come e se questo potesse essere legato al rischio di sviluppare il cancro allo stomaco. I risultati sono stati netti: le donne che consumano più di 580 mg di flavonoidi al giorno hanno il 51 per cento di possibilità in meno di sviluppare un cancro allo stomaco di coloro le quali ne consumano meno di 200 mg.

LA DIETA GIUSTA – I flavonoidi (o bioflavonoidi) sono composti chimici naturali molto diffusi nelle piante, che le proteggono tra l’altro dagli effetti dannosi delle radiazioni solari, dando origine alle sfumature di color giallo, rosso, arancione, azzurrognolo o violetto di numerosi fiori e frutti. La frutta appunto – dagli agrumi alle mele alle albicocche, la verdura – dai cavoli ai pomodori, dagli spinaci alle cipolle – ne contengono in grande quantità, così come i semi e le radici di molte piante. Anche legumi, noci e cereali integrali ne sono tutti un’ottima fonte. I fagioli borlotti, per esempio, ne sono ricchissimi: 769 mg di flavonoidi ogni 100 grammi. Non solo: anche i prodotti derivati dalle piante che li contengono lo sono - compresi quelli più golosi, come il cioccolato. Bevande incluse: il vino rosso, per esempio, e il tè verde, un esempio per eccellenza: più di 12,511 mg ogni 100 grammi di foglie. I flavonoidi sono da lungo tempo noti e apprezzati per le loro proprietà salutistiche, in particolare quelle antiossidanti. Un’alimentazione attenta ad apportare la giusta quantità quotidiana di flavonoidi previene il cancro allo stomaco, dunque. «Questo tipo di dieta combinata con un consumo minore di carne rossa e di carne conservata possono essere un buon metodo per ridurre il rischio di sviluppare il cancro allo stomaco» ha dichiarato l’autore principale della ricerca, Raul Zamora-Ros.

L’IMPORTANZA DELL’ALIMENTAZIONE – Vari studi scientifici avevano già suggerito che i flavonoidi possono aiutare a prevenire i tumori. Recentemente uno studio presentato alla Conferenza internazionale sulle frontiere della ricerca sulla prevenzione del cancro ha sostenuto come un alto consumo di flavonoidi riduca sensibilmente la possibilità di contrarre forme aggressive di cancro alla prostata. La ricerca catalana è tuttavia una delle poche che si è concentrata sul cancro allo stomaco – il quarto più diffuso, e il secondo più mortale. I ricercatori non sanno ancora spiegare perché gli effetti di prevenzione tumorale dei flavonoidi nello sviluppo di tumori allo stomaco paiono efficaci solo sulle donne. Il rischio dipende anche da diversi altri fattori, incluso il fumo, il consumo di alcol e l’obesità. Zamora-Ros ipotizza che proprio un maggior consumo di sigarette e bevande alcoliche da parte degli uomini possa influire, oppure che la differenza sia da attribuire a questioni ormonali. In ogni caso questa ricerca fornisce un’ulteriore solida prova di come uno stile di vita sano a partire dall’alimentazione riduca il rischio di malattie croniche, inclusi i tumori.
Carola Traverso Saibante

http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/12_ottobre_29/dieta-rischio-cancro-stomaco-donne_71cd57de-21d0-11e2-867a-35e5030cc1c9.shtml


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online