Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Cereali Il vero pane integrale 3: il sale, l'olio e il latte

Versione stampabile Segnala ad un amico

Continua l'analisi degli
ingredienti del vero pane integrale con il sale, l'olio e il latte
 

Il
sale

Questo
ingrediente del pane in genere viene impiegato in percentuale
dell’1-2%, anche se alcuni pani ne sono totalmente privi.

Esso
va sciolto in acqua calda prima di essere aggiunto. Serve ad aumentare
la plasticità dell’impasto, migliora il sapore, allunga il tempo di
conservazione rallentando la velocità dei processi fermentativi.

Il
sale bianco attualmente in uso è depurato di tutti gli elementi che non
siano cloruro di sodio. La conseguenza è che in questi ultimi anni c’è
stato un notevole aumento del consumo di sale, che spesso supera il
bisogno giornaliero di anche 10 volte. La gente mangia più sale perché
è alla ricerca degli oligoelementi che non trova e che sono basilari
per il metabolismo.

Il
sale integrale, infatti, contiene oligoelementi quali fluoro, potassio,
zinco, selenio, manganese, rame, cobalto, in quantità piccolissime in
modo da risultare non solamente prive degli effetti nocivi che alcuni di
essi possono provocare a dosaggi più alti, ma al contrario sono
grandemente benefiche. Infatti, la combinazione di questi elementi,
associati ad altri principi nutritivi (grassi e vitamine ad esempio)
svolge un ruolo importante nella prevenzione e nella cura di vari
disturbi e malattie quali l’arteriosclerosi (selenio+ vitamina E)

L’olio

Per
ottenere un impasto più morbido e gustoso è necessaria l’aggiunta di
piccole dosi di olio .

Il
tipo di olio da preferire è sicuramente l’olio extra vergine
d’oliva, che risulta il più indicato e sicuro per gli usi ad alte
temperature. Infatti non produce sostanze tossiche per il fegato grazie
al contenuto più equilibrato di polinsaturi rispetto agli olii
vegetali. Le sue caratteristiche di digeribilità e  basso tasso di acidità lo rendono anche il migliore dei
condimenti crudi.

Il
latte

Impiegato
per confezionare alcuni tipi particolari di pane, deve essere usato con
attenzione. Negli ultimi anni, infatti, il numero di persone che
manifestano intolleranza al latte è in crescente aumento. a causa dei
residui di antibiotici e pesticidi presenti in quest’alimento.

Tra
i vari tipi di latte si consiglia il latte fresco, che in ogni caso sarà
meglio non bollire per evitare di privarlo di sostanze preziose quali
vitamine e fermenti lattici.

 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online