Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Bevuto troppo? l'errore è in agguato

Versione stampabile Segnala ad un amico

Secondo i risultati, l'alcol non riduce la consapevolezza dell’errore, ma l’attenzione che poniamo a non commetterlo
Settembre 2011


È un’esperienza comune quella di aver visto persone altrimenti intelligenti fare cose stupide o imbarazzanti quando sono ubriache. Ma che cosa succede esattamente nel cervello sotto l’effetto dell’alcol in queste situazioni?

Una nuova ricerca dell’Università del Missouri (MU), i cui risultati sono riportati sulla rivista Journal of Abnormal Psychology, ha indagato ora questo specifico tema, concludendo che l’alcol attenua il segnale cerebrale che “avverte” quando si sta commettendo un errore, riducendo in definitiva l’autocontrollo.

“Quando si fa un errore, l’attività della parte del cervello che deve monitorare il comportamento aumenta, sostanzialmente inviando un segnale di allarme ad altre regioni cerebrali per avvertire che qualcosa va storto”, ha spiegato Bruce Bartholow, professore associato di psicologia del College of Arts and Science della MU. “Il nostro non è il primo studio a mostrare che l’alcol riduce tale segnale, ma contrariamente alle precedenti ricerche, noi abbiamo dimostrato che l’alcol non riduce la nostra consapevolezza dell’errore, ma l’attenzione che poniamo a non commetterlo”.

Nel corso dello studio, il gruppo di Bartholow ha misurato l’attività cerebrale di 67 volontari di età compresa tra 21 e 35 anni mentre si confrontavano con un difficile compito al computer progettato per far emergere alcuni errori. A un terzo dei partecipanti è stato somministrato alcol, mentre gli altri hanno assunto un placebo o nulla. Oltre a ciò, gli studiosi hanno misurato le variazioni di umore dei soggetti, la loro accuratezza nel portare a termine il compito e l’accuratezza autopercepita.

L’analisi dei risultati ha mostrato come il “segnale di allarme” in risposta agli errori fosse meno pronunciato in coloro che avevano assunto alcol, mentre era più intensa nei soggetti compresi nel gruppo placebo. Tuttavia, chi era sotto l’effetto dell’alcol non aveva meno probabilità di accorgersi di aver fatto un errore rispetto agli altri, indicando che a venire meno non è la consapevolezza degli errori. Inoltre, è emerso che chi aveva assunto alcol tendeva a non rallentare nell’affrontare un compito se precedentemente era stato commesso un errore, un comportamento invece comune in condizioni normali.

“Si tratta di un tipico tentativo di riprendere l’autocontrollo dopo un errore: ma chi ha bevuto alcol lo fa con minore probabilità rispetto a un soggetto sobrio”, ha sottolineato Bartholow. (fc)

http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/articolo/1349285


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online