Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Frutta e verdura, più efficaci per i soggetti poco sani

Versione stampabile Segnala ad un amico

L'azione maggiormente valida in soggetti affetti da patologie e/o caratterizzati da fattori di rischio

Agosto 2011

Un'analisi sistematica ed esaustiva sugli effetti che i polifenoli (antiossidanti) di frutta e verdura hanno sull'organismo umano.
E' una ricerca dell'INRAN (ente italiano per la ricerca su alimenti e nutrizione), diretta dal dottor Mauro Serafini e pubblicata su "Current Topics in Medicinal Chemistry".
Gli scienziati hanno preso in esame 158 studi, che descrivevano un totale di 227 esperimenti su volontari umani. A questi erano stati somministrati diversi tipi di alimenti: frutta e verdura, ma anche tè, vino, cacao e derivati, soia ed altro.
Di base, l'indagine INRAN ha rilevato come assumere gli alimenti (ed i loro polifenoli) aiuta l'organismo della gestione dello stress ossidativo. Tuttavia, le dinamiche del meccanismo non sono perfettamente chiare. Infatti, non si conoscono le molecole responsabili e non si risce ad identificare chiaramente le modalità d'azione dei polifenoli. Attualmente, spiegano gli esperti, si ritiene improbabile che i polifenoli abbiano un effetto antiossidante diretto.
Inoltre, si è evidenziato come frutta e verdura avessero effetti differenti in base alla salute: se erano presenti determinate patologie, i polifenoli erano più efficaci. Spiega Serafini "L'azione degli alimenti di origine vegetale assunti con la dieta è risultata essere maggiormente efficace in soggetti affetti da patologie e/o caratterizzati da fattori di rischio cardiovascolare, come ipertensione, iper-trigliceridemia e fumo, piuttosto che in soggetti sani".
Perciò, i capo-ricercatore trae due conclusioni. Primo, è possibile che gli individui con uno stile di vita poco sano debbano assumere più antiossidanti di quelli a ridotto rischio stress ossidativo.
Inoltre, questo potrebbe spiegare il perché molti studi, dove antiossidanti sono stati somministrati a soggetti sani, hanno dato risultati negativi o non conclusivi.
Infine, sono già tracciati i passi per il futuro: "La ricerca dovrebbe studiare a fondo le necessità dell'organismo per gli antiossidanti in maniera da evitare sovradosaggi, ottimizzando le capacità di recupero dagli agenti stressogeni attraverso una Dieta Antiossidante Funzionale".

http://www.newsfood.com/q/e98bf79d/frutta-e-verdura-piu-efficaci-per-i-soggetti-poco-sani/
FONTE: Ufficio stampa INRAN


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online