Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Celiachia o ipersensibilità al glutine?

Versione stampabile Segnala ad un amico

Uno studio internazionale cerca di far luce sulle differenze molecolari Marzo 2011
Uno studio internazionale cerca di far luce sulle differenze che esistono a livello molecolare e di risposta immunitaria fra due condizioni entrambe attivate dall’ingestione di glutine: la celiachia e la Gluten Sensitivity, ovvero l’ipersensibilità al glutine. La ricerca - realizzata dall’Università del Maryland School of Medicine di Baltimora in collaborazione con la Seconda Università degli Studi di Napoli, e pubblicata sulla rivista scientifica BMC Medicine - ha infatti dimostrato che mentre nella celiachia si attiva un meccanismo di tipo autoimmune, la Gluten Sensitivity sembra coinvolgere maggiormente un meccanismo immunitario innato, senza interessamento della funzione della barriera intestinale.

«La Gluten Sensitivity è un’entità clinica osservata sempre più spesso negli ambulatori dello specialista - ha commentato Carlo Catassi, professore associato di Pediatria all’Università Politecnica delle Marche di Ancona e coordinatore del Comitato scientifico Dr. Schär -. Si tratta di un disturbo per il quale non esiste un nome in lingua italiana tanto è recente l’inquadramento clinico. Viene diagnosticato in pazienti per lo più adulti che presentano disturbi intestinali o a carico di altri apparati. Queste persone in passato venivano spesso etichettate come affette da disturbo funzionale o colon irritabile».

Notevoli le dimensioni del fenomeno. «Dati recenti - sottolinea il professor Catassi - indicano che la frequenza della Gluten Sensitivity si attesti intorno al 6% della popolazione mentre quella della celiachia, pur essendo assolutamente rilevante, è attorno all’1%. È singolare che ancora oggi - precisa l’esperto - la maggioranza dei casi di celiachia rimangano sommersi perché sfuggono alla diagnosi. In questo senso - conclude Catassi - lo studio del Maryland School di Baltimora va senza dubbio nella giusta direzione poiché identifica i primi marcatori molecolari che distinguono la Gluten Sensitivity dalla celiachia».


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online