Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Batteri e arteriosclerosi, una possibile correlazione

Versione stampabile Segnala ad un amico

I batteri nella bocca e nell’intestino possono incidere sulla patogenesi dell’arteriosclerosi e portare così a nuove strategie di trattamento. A renderlo noto è una ricerca condotta dalla Sahigrenska Academy (Università di Gothenburg) in Svezia e pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Il nostro organismo ospita più batteri che cellule (dieci volte di più) e la ricerca negli ultimi anni ha dimostrato che la nostra flora intestinale è alterata nell’obesità e che nel tempo può portare a malattie cardiovascolari. Per esempio infiltrandosi nelle placche arteriosclerotiche e accelerando il processo infiammatorio, come hanno dimostrato i microbiologi svedesi. L’infiammazione incrementa il rischio della rottura di placca nelle arterie, ma le origini dell’infiammazione non sono chiare. I batteri potrebbero giocare una parte fondamentale.

Inizialmente i ricercatori hanno riscontrato che il numero di batteri nella placca è correlato con quello di globuli bianchi nel sangue. Il che indicherebbe la presenza di un’infiammazione. In seguito hanno determinato la composizione dei batteri nella bocca, nell’intestino e nella placca arteriosa di 15 pazienti e di 15 soggetti sani. Dal riscontro è emerso che diversi batteri trovati nelle placche erano presenti nella bocca e nell’intestino dello stesso paziente. Inoltre in tutte le placche erano presenti Pseudomonas luteola (responsabile della peritonite, cellulite e della batteriemia) nonché Chlamidya pneumoniae (principale causa della polmonite)

Questi risultati suggerirebbero che i batteri dalla bocca e dall’intestino finiscono nella placca dove contribuirebbero all’infiammazione e alla rottura della placca stessa. “Ritrovare gli stessi batteri nella placca arteriosclerotica, nella bocca e nell’intestino dello stesso individuo apre la strada per nuove diagnosi e strategie di trattamento”,ha commentato Fredrik Bäckhed, autore dello studio e ricercatore della Sahigrenska Academy.

Riferimenti:Pnas doi:10.1073/pnas.1011383107
galileonet.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online