Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Più ti guardo, più ti voglio

Versione stampabile Segnala ad un amico

Nel complesso processo che ci porta a scegliere tra due oggetti, viene considerato anche il tempo speso ad osservarli. di Katia Clemente | Pubblicato il 14 Settembre 2010 13:21

Secondo uno studio pubblicato su Nature Neuroscience e condotto dai ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) di Pasadena (California, Usa), un essere umano posto di fronte a due oggetti ugualmente attraenti li guarderà ripetutamente, prima l’uno e poi l’altro, e alla fine sceglierà quello osservato più a lungo. Basandosi su questa convinzione, gli studiosi californiani guidati dal neuroeconomista Antonio Rangel, hanno realizzato un nuovo modello matematico e condotto alcune simulazioni.

Il team ha mostrato le foto di 70 differenti cibi a a 39 studenti e ha chiesto loro di esprimere una valutazione su ciascun alimento, tramite un punteggio (da -10 a 10) che quantificasse il desiderio di mangiarlo alla fine dell’esperimento. Successivamente gli studenti hanno dovuto scegliere tra 100 coppie di cibi appetitosi, dopo averli osservati per tutto il tempo che ritenevano opportuno. Durante l’esperimento, l’attività oculare di ogni partecipante è stata registrata attraverso la metodica dell’eye tracking, che permette di registrare le aree fisiche su cui viene indirizzato lo sguardo, i tempi e la successione dei movimenti. In questo modo gli studiosi hanno potuto effettivamente verificare che i volontari sceglievano l’alimento che avevano fissato più a lungo, indipendentemente dal valore di gradimento che gli avevano assegnato precedentemente. “Il modello realizzato potrebbe fornire importanti indicazioni per lo studio dei processi decisionali - ha spiegato Rangel -
e potrebbe anche aiutarci a capire perché, per esempio, le persone affette da autismo, che generalmente rifiutano un contatto visivo, mostrano difficoltà nei processi decisionali sociali”.
Riferimento: Nature Neuroscience doi:10.1038/nn.2635
galileonet.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online