Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Uva e arachidi contro l’angiogenesi

Versione stampabile Segnala ad un amico

Il resveratrolo fa bene, e ora grazie al lavoro di un team di scienziati della Scuola di medicina dell’Università di Washington sappiamo come.


Un team di medici scopre i dettagli molecolari dell’azione benefica del resveratrolo

NOTIZIE – Il resveratrolo è un composto naturale – contenuto in alcuni alimenti – che inibisce la crescita di nuovi vasi sanguigni. Aslam Khan e colleghi hanno scoperto il processo molecolare di questa azione benefica.

La crescita di nuovi vasi sanguigni – angiogenesi – è un processo fisiologico vitale, ma in certi casi può diventare patologico. La proliferazione di nuovi vasi sanguigni ha infatti un ruolo importante in certe malattie, nell’occhio per esempio, ma anche nell’arteriosclerosi e in molti tipi di cancro (dove spesso segna il passaggio da tumore benigno a maligno). Il resveratrolo – contenuto specialmente nella buccia dell’uva, e dunque nel vino, ma anche nei mirtilli, nelle arachidi e in altri vegetali, dove previene le infezioni batteriche e da fungo – ha un’azione inibente nei confronti dell’angiogenesi. Molti studi avevano dimostrato l’efficacia nel contrastare gli effetti dell’invecchiamento e come agente anti-cancro attraverso l’azione della famiglia di proteine sirtuine, ma il nuovo lavoro – Khan e colleghi hanno esaminato l’effetto della sostanza sulla crescita patologica di vasi sanguigni nell’occhio – è completamente innovativo.

Gli scienziati hanno infatti osservato che il resveratrolo inibisce l’angiogenesi attraverso un processo mai osservato prima d’ora, assolutamente indipendente dalle sirtuine. “Il resveratrolo regola l’angiogenesi patologica attraverso un processo regolato da una chinasi di fattore 2 di allungamento eucariotico” ha spiegato Khan. Il team è inoltre riuscito a invertire l’azione anti-angiogenica della sostanza con inibitori specifici.

Questi risultati potrebbero avere un’impatto importante sulla comprensione delle malattie angioproliferative, e per creare terapie per combatterle. Khan e colleghi infatti intendono nel futuro studiare a fondo le proprietà del resveratrolo nel trattamento della degenerazione maculare da invecchiamento, dell’arteriosclerosi e del cancro, tutte malattie in cui l’angiogenesi patologica ha un ruolo centrale.

Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista The American Journal of Pathology

ulisse.sissa.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online