Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia La pellicola perfetta

Versione stampabile Segnala ad un amico

Scene sempre più serrate caratterizzano il cinema moderno: dipende forse dalle nostre funzioni cognitive?
I cambi di inquadrature veloci sono ipnotici, ma non danno tempo di metabolizzare le emozioni dei film (NdR)
2010 febbraio 25

by Federica Sgorbissa

NOTIZIE – Dalle origini del cinema a oggi i film sono cambiati parecchio, specie se si osserva il ritmo e la struttura. Un gruppo di psicologi della Cornell University ha voluto analizzare la relazione fra questa trasformazione e i meccanismi della cognizione umana. Si sono chiesti: cosa rende davvero piacevole una pellicola? I vecchi film infatti, scrivono James Cutting e colleghi, hanno un’atmosfera radicalmente diversa da quelli più recenti. Sempre secondo gli autori dell’articolo recentemente apparso su Psychological Science, quelli meno recenti sono più difficili da seguire e hanno un qualcosa di più artificiale rispetto ai più recenti (indicativamente quelli dal 1980 in poi). Che cosa provochi questa particolare sensazione non è semplice da determinare. Cutting e colleghi si sono soprattutto concentrati sull’attenzione dello spettatore: i film più recenti catturerebbero meglio il focus attentivo di chi guarda. La nostra attenzione infatti, come è noto in letteratura, difficilmente riesce a restare fissa per molto tempo e tende piuttosto a vagare.

Gli studi degli ultimi decenni, che si sono concentrati soprattutto sulla distribuzione dell’attivazione cerebrale hanno trovato che l’attività elettrica legata all’attenzione cognitiva mostra delle particolari regolarità. Gli scienziati parlano di “fluttuazioni 1/f”: il segnale elettrico apparentemente caotico nasconde pattern precisi, una sorta di ritmo nascosto in intensità del segnale e frequenza (nello spazio e nel tempo). Si tratta di concetti mutuati dalla teoria del caos, che vengono usati dagli scienziati per descrivere l’andamento di molti fenomeni in natura (dai terremoti, allo scorrere dell’acqua, all’attività elettrica del cervello). Queste fluttuazioni 1/f descrivono l’attività elettrica del cervello correlata all’attenzione. Cutting e colleghi sono andati a cercare questo stesso tipo di ritmi anche nelle pellicole cinematografiche e hanno trovato risultati sorprendenti.

Gli scienziati hanno preso in esame i 150 film più popolari dal 1935 al 2005, e hanno registrato la durata di ogni sequenza in ogni scena. Attraverso una formula matematica piuttosto complicata hanno trasformato questi dati in “onde” (come quelle cerebrali). I film dopo il 1980 sono quelli che si avvicinano di più alla “costante universale” delle fluttuazioni 1/f. In pratica con il passare del tempo c’è stata, secondo gli autori, una sorta di “selezione naturale cinematografica” che ha fatto in modo che le pellicole aderissero sempre di più a certi ritmi e strutture.

Secondo Cutting questo processo è avvenuto in maniera inconscia: i registi non avrebbero scelto deliberatamente di aderire a questo stile ma il successo o insuccesso dei film li avrebbe guidati spontaneamente, attraverso l’imitazione reciproca. Dei film esaminati da Cutting e colleghi alcuni hanno raggiunto il ritmo 1/f quasi perfetto: fra questi troviamo “Gioventù bruciata”, “I 39 scalini” (1935, per la regia di Alfred Hitchcock), “La tempesta perfetta” (film del 2009 interpretato da George Clooney).

Può sembrare azzardato definire la piacevolezza di un film attraverso un parametro matematico, e probabilmente non è questo l’intento degli autori. Più che altro quello che emerge dal loro studio è l’esistenza di un certo percorso di adattamento nel ritmo dei film, che pare andare nella direzione dettata dalle nostre funzioni cognitive.
oggiscienza.wordpress.com


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online