Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Effetti collaterali dei farmaci per i tumori al seno

Versione stampabile Segnala ad un amico

I ricercatori dell'Oregon Health & Science University hanno accertato quali effetti collaterali danno tre farmaci utilizzati contro il cancro al seno.

Secondo quanto riportato in una relazione pubblicata su Sciencedaily.com, lo studio condotto dalla professoressa Heidi D. Nelson ha esaminato gli effetti negativi di questi farmaci per dare modo sia alle pazienti che agli operatori del servizio sanitario di valutare la potenzialità, l'efficacia e gli effetti indesiderati per poter utilizzare al meglio i farmaci stessi.
Questo tipo di farmaci è usato per prevenire possibili sviluppi del carcinoma mammario nelle donne con storie familiari di cancro al seno o altri fattori di rischio.
Gli effetti positivi, come quelli indesiderati, variano a seconda del farmaco e del paziente stesso che può rispondere in modo diverso ai trattamenti.
Nel particolare, i ricercatori hanno rilevato che i principali effetti collaterali causati da tutti e tre i farmaci sono stati, nel caso del Tamoxifene: comuni vampate di calore e sudorazione notturna, sintomi vasomotori, perdite di sangue e prurito o secchezza vaginali. Nel caso del Raloxifene: sintomi vasomotori, crampi alle articolazioni e alle gambe. E, nel caso del Tibolone: sanguinamento vaginale.
Oltre a questi effetti indesiderati è stato accertato che, per esempio, il Tamoxifene aumenta il rischio di carcinoma endometriale, isterectomia e cataratta rispetto agli altri farmaci. Tamoxifene e Raloxifene poi aumentano il rischio di coaguli nel sangue, anche se questo è maggiore con il Tamoxifene. Il Tibolone comporta un aumentato rischio di ictus.
(lm&sdp)

Source: i risultati dello studio sono stati pubblicati sul numero del 15 settembre del "Annals of Internal Medicine".
www.lastampa.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online