Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci L'uso del miele nella cura delle ferite infette

Versione stampabile Segnala ad un amico

Una ricerca conferma gli indigeni della Nuova Zelanda che da secoli utilizzano il miele dell’albero di Manuka che ha proprietà antibiotiche naturali.




Questo miele pare essere attivo contro diversi tipi di agenti patogeni e utile in tutte quelle situazioni in cui non è possibile usare gli antibiotici a causa di una resistenza agli stessi. Inoltre non provoca effetti collaterali e tossicità per la cute.
La sua azione, si legge nella relazione, si dimostra efficace anche nell'accelerare la guarigione delle ferite grazie al suo basso pH che favorisce la rimozione del tessuto morto, promuove la ricrescita della pelle, riduce cicatrici e dolore.

La resistenza agli antibiotici, ricordano i ricercatori, è un problema serio e quanto mai attuale. Si pensi allo Stafilococco aureo che è divenuto resistente al trattamento di molti antibiotici ed è la forma più diffusa di infezioni cutanee in comunità e ospedali. Di fronte all'impossibilità di combattere queste infezioni con mezzi efficaci e non dannosi l'alternativa del miele è una possibile e reale opportunità in più. Questo darebbe modo di rimediare all'enorme spesa in farmaci e all'aumento della morbilità e mortalità tra i pazienti.

Il crescente sommarsi di prove scientifiche a favore dell'uso del miele nella cura delle ferite ha fatto sì che sia contemporaneamente aumentato l'interesse da parte dei medici nei suoi confronti. Dalle prove effettuate, si è riscontrato che anche a basse concentrazioni l'uso di questo miele non induce la batterio-resistenza che, invece, si riscontra nell'uso degli antibiotici di sintesi.
I ricercatori sottolineano che i dati presentati nella loro relazione hanno lo scopo di promuovere la discussione sull'uso degli antibiotici o del miele nei casi di resistenza batterica.
La relazione è stata pubblicata sul "European Journal of Clinical Microbiological Infectious Diseases".
(lm&sdp)
lastampa.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online