Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Addio spuntino di mezzanotte, ingrassa

Versione stampabile Segnala ad un amico

Il languorino a notte fonda è meglio tenerselo. E comunque dopo un pò passa.

Autore: menaito pubblicato il : 04/09/2009
A chi non è capitato di avvertire un certo languorino a notte fonda? Anzi c'è chi va matto per gli spuntini notturni e proprio non può farne a meno. Ma mangiare fuori degli orari normali della cena può produrre un aumento di peso, detto in breve si ingrassa mandando a friggere tutti gli sforzi fatti seguendo un'alimentazione sana ed equilibrata proprio per perdere qualche chilo in più. A dare man forte a questa tesi una recente ricerca americana guidata da Deanna Arble, della Northwestern University, nell'Illinois e pubblicata sull' Obesity journal. Lo studio ha evidenziato che mangiare in modo irregolare, come nel bel mezzo della notte, causa un aumento di peso, quindi "quando" si mangia e non solo "quanto" si mangia potrebbe fare la sua differenza. Si tratta del primo studio del genere che ha dimostrato un nesso di causalità tra tempi del pasto e aumento di peso.
Recenti studi hanno suggerito che i ritmi circadiani, l'orologio interno del corpo, hanno un ruolo nel modo in cui il nostro corpo utilizza l'energia. Tuttavia ciò era stato difficile da spiegare in via definitiva.
Deanna Arble ha spiegato che uno dei principali interessi di ricerca era rappresentato dai lavoratori a turni, che il più delle volte tendono ad essere in sovrappeso poiché costretti a mangiare in orari che non seguono il ritmo naturale del corpo e proprio questo li ha portati a pensare che mangiare al momento sbagliato durante la giornata possa contribuire all'aumento del peso.
L'esperimento è stato fatto su due gruppi di topi per un periodo durato sei settimane in cui entrambi i gruppi sono stati alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi ma in tempi diversi. Uno dei due gruppi di roditori mangiava quando in pratica avrebbe dovuto dormire, gli altri in orari normali durante il giorno. I risultati della ricerca hanno dimostrato che i topi a cui è stato dato da mangiare nelle ore di sonno erano ingrassati il doppio rispetto ai topi dell'altro gruppo, pur mangiando le stesse quantità di cibo. L'altro gruppo è ingrassato solo del 20% in più rispetto al peso iniziale.
E' ovvio che questi risultati possono avere notevoli implicazioni per le persone preoccupate per il loro peso.
Ma la situazione è più complicata di quel che sembra, "come e perché una persona aumenti di peso è molto complicato, i risutati della ricerca suggeriscono solo un nuovo fattore da esaminare e cioé i tempi dll'alimentazione", spiega la Arble.
Il prossimo step sarà quello di indagare sui meccanismi molecolari e come variano con un'alimentazione in orari sbagliati che, secondo lo studio, causerebbe un aumento di peso.
Italia-news.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online