Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fumo Il danno non è “light”

Versione stampabile Segnala ad un amico

L'aspetto del pacchetto e le scritte continuano a confondere i consumatori, inducendoli a pensare che alcuni tipi di sigarette siano meno pericolosi di altri


Non esistono sigarette meno dannose per la salute di altre, eppure scritte come “light”, “smooth”, “silver”, immagini dei filtri a carbone e i colori più tenui fuorviano ancora i consumatori. Lo hanno verificato in Canada, dove i ricercatori dell’Università di Waterloo hanno condotto uno studio su oltre 600 adulti, metà dei quali fumatori. I risultati, pubblicati dal Journal of Public Health, mostrano che l’aspetto del pacchetto è determinante nella valutazione del livello di pericolosità del fumo per la salute.

Nove coppie di pacchetti che differivano per un solo particolare (come per la scritta “silver” o “full-flavour”, “smooth” o “regular”, “light” o “ultralight”, per il colore azzurro o blu, bianco o grigio, o ancora per l'immagine di un filtro a carbone) sono state mostrate ai volontari reclutati in un centro commerciale. La maggior parte degli intervistati ha dichiarato di considerare le scritte “smooth” e “silver” indicative di una minore pericolosità rispetto a “regular” e “full-flavour” (rispettivamente nell'80 e nel 73 per cento dei casi). Allo stesso modo, il 79 per cento degli individui ha pensato che il pacchetto azzurro contenesse sigarette meno nocive rispetto a quello blu, così come quello con l'illustrazione del filtro a carbone (76 per cento). Infine, l’idea di un sapore meno deciso è stata associata a un minor contenuto di catrame e a un rischio inferiore per la salute. Sono stati soprattutto i fumatori e, in particolare, coloro che consumano sigarette “light” o “mild” a rimanere ingannati dalle scritte e dalle altre caratteristiche del pacchetto.

La crescente consapevolezza dei rischi associati al fumo ha messo da tempo in allarme le compagnie produttrici di tabacco, che spesso cercano di convincere i fumatori che alcuni tipi di sigarette siano meno dannosi di altri proprio rendendo più attraenti i pacchetti. Per questo motivo già più di 50 paesi hanno proibito l’utilizzo dei termini “light”, “mild” e “low tar” (a basso contenuto di catrame) sulle confezioni. “Tutte le sigarette sono ugualmente pericolose, indipendentemente dal tipo di filtro, dal colore del pacchetto o da quello che c’è scritto sopra”, ha sottolineato David Hammond, uno degli autori dell’articolo: “Queste tattiche danno ai consumatori un senso di sicurezza che in realtà non esiste”. Per vincere questa battaglia sarebbe, quindi, necessario rendere i pacchetti meno attrattivi, soprattutto per i giovani; confezioni standard, che differiscano solo nella marca riportata, potrebbero essere una soluzione a questo problema. (si.sol.)
galileonet.it
Fonte: doi:10.1093/pubmed/fdp066


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online