Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia - Che cos'è la predisposizione genetica.

Versione stampabile Segnala ad un amico


Le malattie genetiche sono sopravvalutate?  

Di
Luciano Rizzo

Sono sempre più frequenti gli articoli di ricercatori che
evidenziano l’alterazione di un gene specifico nei portatori di alcune
malattie croniche.


E’ il caso di una predisposizione genetica nella
schizofrenia, scoperta dal National
Institute of Mental Health
.


Oppure della tendenza al morbo di Chron
(vedi articolo http://www.lescienze.it/specialarchivio.php3?id=2915).

Ciò significa che i portatori di quel gene sono condannati
ineluttabilmente ad ammalarsi?


Prendiamo il caso della celiachia, una malattia considerata
genetica. Attualmente la statistica ci dice che il gene predisponente al
morbo celiaco è presente in 1 persona su 100. Ma la percentuale di
persone i cui sintomi migliorano togliendo tutti i cibi che contengono
glutine è di 1 su 25, ed è in aumento. (da una conferenza del Prof
Amoroso, dell’Ospedale B Garofalo di Trieste).

Cioè il 75% degli ammalati di morbo celiaco <u>non</u> ha la
predisposizione genetica. Inoltre non tutte le persone che hanno il gene
si ammalano. Altri fattori entrano in gioco: un buon sistema immunitario
e una dieta equilibrata possono aiutare a prevenire la celiachia,
soprattutto se il contatto col glutine è saltuario. 


E allora perché tanti soggetti si ammalano?


Per spiegarlo dobbiamo pensare ad altre cause oltre al fattore
predisponente genetico.


Possiamo parlare di fattori scatenanti:


Oltre alle sostanze francamente nocive ne esistono altre (ad
esempio molti cibi di produzione industriale) che lo sono moderatamente,
e che un organismo sano è in grado di tollerare. Per farlo però perde
energia. Se la sostanza viene assunta frequentemente il sistema
immunitario deve compensare, a lungo andare ne risente e ci si ammala.


Allora sono più importanti i fattori scatenanti?


Non tutte le persone sono uguali. Quelli che per taluni
potrebbero essere fattori predisponesti, come i campi elettromagnetici,
le intolleranze alimentari o i pollini, per altri possono essere fattori
scatenanti, o viceversa. Per una persona ciò che conta è un sistema
immunitario perfettamente funzionante. Serve  una
dieta sana, lontana da cibi che possano essere possibili cause
predisponesti alle malattie. Bisogna allontanare i campi
elettromagnetici, i pesticidi e i metalli pesanti che ci indeboliscono.


Così non ci sarà bisogno di costose cure genetiche.




 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online