Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Per le rivoluzioni c’è tempo

Versione stampabile Segnala ad un amico

Le nuove terapie mediche promesse ogni giorno dagli articoli impiegano anche 50 anni per essere convalidate.
Uno studio su Science


Ogni settimana vengono pubblicati articoli scientifici che presentano piccoli o grandi avanzamenti in campo medico-chirurgico. Alcuni vantano promettenti, se non rivoluzionarie, applicazioni future. Ma quanto tempo è necessario affinché le scoperte trovino effettivo impiego? In media si devono attendere 15 anni. Questa la risposta di uno studio, pubblicato su Science, condotto da medici americani (Tufts University School of Medicine e George Washington University School of Medicine) e greci (University of Ioannina School of Medicine e Ioannina Biomedical Research Institute).

I ricercatori, utilizzando il database Web of Science (archivio ufficiale delle pubblicazioni scientificamente riconosciute), hanno preso in considerazione 49 innovazioni del campo medico uscite tra il 1990 e il 2004 su riviste indicizzate, con più di mille citazioni. Gli scienziati hanno, quindi, misurato il tempo trascorso dalla prima comunicazione ufficiale della scoperta (preparazione, isolamento o sintesi di un principio farmacologico) alla prima pubblicazione riguardante l’applicazione pratica.

I risultati non sono incoraggianti: il lasso di tempo varia da 14 a 44 anni, con una mediana (cioè il valore che “taglia” in due la distribuzione) di 24 anni e una media – come è stato anticipato – di 15 . Se la scoperta è stata confutata da un’altra pubblicazione, poi, il tempo si dilata fino anche a 50 anni. È il caso degli studi su flavonoidi, vitamina E ed estrogeni, i cui benefici erano stati descritti almeno quattro decenni prima dell’inizio del loro utilizzo in campo farmacologico negli anni Novanta. Ma il dato più sconcertante è che, se si considera l’applicazione finale sugli esseri umani (dunque non solo l’applicazione pratica su cavie da laboratorio), il tempo può arrivare 221 anni.

Gli autori suggeriscono di non affrettarsi a pubblicare risultati di ricerche di base sbandierando future applicazioni sui malati. Non prima, almeno, di aver ripetuto ampiamente gli esperimenti con tecniche standardizzate. Altrimenti la scienza rischia di perdere di credibilità per quelle promesse mai mantenute. (i.n.)
galileonet.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online