Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Psicologia Il training autogeno

Versione stampabile Segnala ad un amico

Una terapia rilassante ed estremamente efficace

Il metodo ideato da J.H.Schultz è largamente impiegato in moltissimi settori tra cui lo sport, la medicina psicosomatica, il lavoro, l’ostetricia, la terapia del dolore ecc, ma esiste un modo assai più ampio di affidarsi a questo strumento.
La parola Training significa “allenamento”, Autogeno “che si genera da sé”, è proprio quest’ultimo il concetto fondamentale: imparare a lasciare che accada, da sé , spontaneamente e il cammino verso la consapevolezza o qualsiasi cosa sia giusta per noi in questo preciso momento si avvia.
Sembra facile: allora non devo fare niente, mi basta trovare una posizione comoda, chiudere gli occhi mettere in atto quelle facili indicazioni fornite dal terapeuta e tutto finito, faccio il mio percorso!
Il fatto è che è proprio così, ma le cose semplici sono proprio le più complicate in questa nostra società che ci vuole sempre attivi e protagonisti in ogni situazione. La “passività” è associata a qualcosa di negativo nelle nostre menti “moderne”, la cui frase d’ordine è troppo spesso voglio che accada e non lascio che accada e l’emisfero cerebrale sinistro ha la meglio su quello destro.
Dunque l’allenamento è verso il non fare o si può anche dire l’osservare e dunque l’accettare tutto ciò che in me accade. E’ con questo atteggiamento che il nostro strato più profondo o inconscio trova la via per raggiungere gli strati più superficiali e finalmente venire alla luce. Gradualmente, a ciascuno i suoi tempi, esiste una speciale forma di intelligenza che ognuno di noi possiede e che fa si che accada sempre la cosa più giusta per noi, ma ciò che importa è che il processo prende il via.
OK, mi metto nella giusta disposizione a lasciare emergere contenuti profondi e che mi erano sconosciuti e cosa accade dov’è il miglioramento? Domanda legittima che chi fa ricerca si è posto molte volte. Nel nostro inconscio sono immagazzinate moltissime informazioni sotto varie forme: esperienze, sensazioni, immagini per lo più confuse tra loro e non elaborate. La non completa coscienza di questo materiale condiziona tutto il nostro modo di comportarci e di sentirci spesso negativamente producendo malessere. Quando questo materiale viene fuori, è come se avessimo la possibilità di metterlo chiaramente a fuoco, come con uno zoom. Osservando i dettagli, anche le emozioni vengono correttamente identificate ed assegnate.
E’ attraverso questo lavoro di ordine e pulizia che i pezzetti di inconscio vengono integrati nella nostra parte cosciente della personalità e non costituiscono più fastidiosi e confusi fantasmi.

chiaracorvini@yahoo.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Psicologia
· Ultime news


Articolo più letto su Psicologia:
Test psicologici

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online