Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Veterinaria Animali domestici e malattie

Versione stampabile Segnala ad un amico

Stare troppo a contatto porta malattie e parassiti

Roma, 21 apr. (Adnkronos Salute) - Attenti al cane, perché anche il più docile e affettuoso amico a quattro zampe potrebbe rappresentare un pericolo per la salute del suo padrone, se gli si lasciano oltrepassare alcuni 'limiti': farlo dormire sotto le coperte con noi o sistemare la sua cuccia in cucina può esporre al rischio di contrarre alcune malattie, fra cui la salmonella. A lanciare l'allerta è il veterinario inglese Fred Landeg dalle pagine del 'Times': "Come medico - avverte l'esperto - non consiglierei mai a chi possiede un cane di tenerlo in camera da letto, perché il 10% dei nostri amici pelosi è portatore di Stafilococco aureo resistente alla meticillina (Mrsa) e in molti casi anche di microrganismi che causano infezioni alimentari, come la salmonella e il campilobatterio".

La Gran Bretagna è sempre stata terra di cinofili, con la sua antica storia legata alla caccia e all'unione uomo-cane in molte altre attività. Oggi ben sei milioni e mezzo di cani vivono e rallegrano le case dei sudditi di Sua Maestà. La stessa Regina Elisabetta ne possiede svariati di razza Corgi e Beagle. Landeg, che ricopre la carica di Chief Veterinary Officer del governo britannico, commenta sul quotidiano britannico una ricerca commissionata dal dipartimento di Ambiente, cibi e questioni rurali e condotta da un'equipe dell'università di Liverpool su 260 padroni di cani, in maggior parte di razza Labrador e Jack Russell, nella zona di South Wirral.

Dall'indagine è emerso che il 20% di questi animali dorme in camera col padrone e che il 14% schiaccia i propri pisolini addirittura fra le lenzuola. Il 42% ha invece la propria cuccia in cucina, dove il 79% dei quadrupedi consuma anche la propria pappa quotidiana. La cucina è inoltre l'ambiente in cui viene 'chiuso' il 24% degli animali quando lasciato in casa da solo. "Possedere un cane - sottolinea Landeg - ha sicuramente dei vantaggi: ci riempie di affetto e ci spinge anche a fare del movimento fisico, ogni giorno. Ma molti non prendono nella dovuta considerazione i pericoli che possono derivare dall'interazione quotidiana con il nostro amico a quattro zampe. Per evitarli occorre adottare norme igieniche rigorose". Prima fra tutte quella di non far avvicinare l'animale alle zone in cui si dorme o si consumano i pasti.

Ma gli amanti dei cani non reagiscono positivamente a questi consigli: Caroline Kisco, segretario del Kennel Club inglese, l'ente cinofilo nazionale, ricorda che "l'Organizzazione mondiale della sanità ha assicurato che un animale da compagnia curato e ben tenuto è un beneficio immenso per chi lo ha in casa e non rappresenta un pericolo per nessuno".


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Veterinaria
· Ultime news


Articolo più letto su Veterinaria:
Chi testa sugli animali?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online