Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Musicoterapia La musica accorcia il recupero dopo l'ictus

Versione stampabile Segnala ad un amico

Bastano due ore al giorno

La musica aiuta i pazienti dopo un ictus, accorciando i tempi di recupero delle facoltà perse a causa del danno cerebrale. Bastano due ore di ascolto al giorno, secondo uno studio finlandese pubblicato su Brain, per migliorare la memoria verbale, la capacità di attenzione e anche l'umore. Al contrario, chi non ascolta musica o si dedica agli audiolibri non ha gli stessi miglioramenti. Un totale di 60 pazienti appena colpiti da ictus è stato arruolato tra marzo 2004 e maggio 2006 da un team guidato da Teppo Sarkamo, della Cognitive Brain Research Unit (dipartimento di Psicologia) all'università di Helsinki e dell'Helsinki Brain Research Centre. E' stato fondamentale, secondo i ricercatori, che la terapia 'a base di note' cominciasse subito dopo l'attacco, quando ancora il cervello è in grado di rispondere alla stimolazione dell'ambiente: bastano poche settimane, infatti, perché subentrino danni irreversibili. L'equipe ha diviso i pazienti in modo casuale in tre gruppi: uno ascoltava musica (di ogni tipo, dalla lirica al pop), uno audiolibri e un gruppo di controllo. I pazienti nel frattempo hanno continuato le terapie standard di riabilitazione. Tre mesi dopo l'ictus, la memoria verbale ha mostrato un miglioramento, fin dalla prima settimana, del 60% negli ascoltatori di musica, del 18% nel gruppo degli audiolibri e del 29% negli altri. Allo stesso modo l'attenzione focale, la capacità di eseguire operazioni mentali e risolvere conflitti, è aumentata del 17% nel gruppo sottoposto alla terapia a base di note, mentre non è cambiata negli altri due. Le percentuali sono rimaste simili fino ai sei mesi dopo l'ictus. In più, chi ascolta musica è parso meno depresso e più lucido rispetto agli altri gruppi. I ricercatori ritengono lo studio, il primo in questo campo, promettente per ulteriori indagini e per poter attuare terapie riabilitative efficaci e a basso costo.

adnkronos


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online