Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Esercizio fisico Tecnica 'anti-cadute' per anziani

Versione stampabile Segnala ad un amico

Agisce sui muscoli ma in realtà rimodella la corteccia cerebrale.
Così il cervello orchestra meglio le articolazioni, facendo guadagnare stabilità e rendendo meno vulnerabili gli anziani alle cadute. E' una nuova tecnica che promette di limitare significativamente i danni tra i 'nonni', riducendo i temuti capitomboli. I numeri, al riguardo, parlano chiaro: sono ben 4,5 milioni gli 'over 65' italiani che cadono ogni anno, di questi 80 mila si fratturano il femore. E la rottura finisce per gravare significativamente sulle casse del Servizio sanitario nazionale, basti pensare che il problema costa ben 1 miliardo di euro l'anno.

Un team di medici delle università capitoline La Sapienza e Cattolica ha dunque deciso di correre ai ripari puntando sulla prevenzione. Ovvero testando, su ben 105 'over 65' di due centri anziani romani, il Corviale e la Montagnola, una procedura basata su uno stimolo meccanico vibratorio, focalizzato sui muscoli della coscia in modo ripetitivo 3 volte al dì e per 3 giorni consecutivi. I risultati, a 3 e a 6 mesi di distanza, "mostrano un miglioramento significativo - spiega Guido Maria Filippi, dell'Istituto di Fisiologia umana dell'università Cattolica - in oltre l'80% delle persone trattate. Risultati che si otterrebbero solo dopo mesi e mesi di terapia spesso faticosa. Nel nostro studio, invece, il trattamento veniva fatto per soli 90 minuti complessivi". La stabilità motoria del campione è stata testata prima della terapia.

Così, successivamente, la squadra di studiosi ha potuto testare i progressi conseguiti dai 'nonni' coinvolti. E scoprire, così, che l'86% degli anziani trattati aveva ottenuto un significativo miglioramento a distanza di un mese. Trascorsi altri cinque mesi, tuttavia, i risultati anziché scemare risultavano consolidati e in aumento, interessando l'89% del campione."Questa terapia - spiega Filippi - agisce sul sistema nervoso". Se infatti le vibrazioni riguardano i quadricipiti, "i muscoli in realtà interfacciano il segnale al cervello, che così potrà governarli al meglio. Si potenzia, in altre parole, la capacità cerebrale che consente di elaborare il movimento. Il messaggio - prosegue lo studioso - arriva alla corteccia motoria ma anche al midollo spinale, e così le articolazioni si governano meglio". Una possibilità in più per le 'tempie grigie', letteralmente terrorizzate dalla cadute.

"Il 30% - spiega Diego Ricciardi, del dipartimento di gerontologia e geriatria della Cattolica - ha paura di cadere, e ciò finisce per condizionarne la vita". D'altronde i timori sono più che giustificati."Degli 86.700 italiani che si fratturano il femore ogni anno - riconosce Filippi - il 20% muore entro 12 mesi, e oltre il 50% non riesce a recuperare completamente". Ora l'obiettivo "è sperimentare la tecnica su circa 500 persone in diversi centri sociali capitolini. Poi spetterà alle diverse Regioni decidere se adottarlo".

adnkronos


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Esercizio fisico
· Ultime news


Articolo più letto su Esercizio fisico:
Camminare per dimagrire

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online