Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Gli effetti collaterali degli sciroppi per la tosse

Versione stampabile Segnala ad un amico

Vietati ai bambini piccoli. E perchè non ai grandi?

di emanuela grasso Pensiero Scientifico -

Gli sciroppi per la tosse e i decongestionanti nasali non devono essere somministrati ai bambini di età inferiore ai sei anni. Il veto è stato posto dalla Food and Drug Administration, l’agenzia statale che negli USA vigila sull’efficacia e la sicurezza dei farmaci e dei dispositivi medici, circa due mesi fa. In Italia l'Agenzia Italiana del Farmaco, proprio nello stesso periodo, attraverso la sua rete di sorveglianza aveva avuto modo di raccogliere dati che avevano dimostrato come questo tipo di farmaci avesse un effetto collaterale sui bambini di quelle età. Anche in Italia, dunque, prontamente la prescrizione di questi farmaci è stata sconsigliata. Ma a pochi mesi di distanza un editoriale sul New England Journal of Medicine denuncia che, nonostante la presa di posizione dell'agenzia di vigilanza, negli Stati Uniti molti di questi farmaci, che non necessitano della ricetta medica per essere acquistati, continuano ad essere somministrati ai bambini. Genitori poco informati? Anche, ma non solo. Alcune aziende hanno semplicemente dichiarato di non essere d'accordo con quanto sostenuto dalle agenzie governative; hanno dichiarato che continueranno a vendere questi prodotti anche per i bambini tra i due e i cinque anni. Per le aziende, infatti, gli effetti collaterali riscontrati nei pazienti pediatrici sarebbero causati dall'assunzione scorretta del farmaco. In particolare ci si riferisce a sovradosaggi di questo tipo di medicine. In Italia nessuno ha denunciato una situazione paragonabile a quella statunitense. Forse i pediatri italiani hanno recepito la direttiva dell'AIFA. Ma i genitori? In attesa dei dati italiani l'auspicio è che i pediatri di famiglia informino correttamente i familiari dei loro pazienti su quali farmaci usare e in che dosi. Bibliografia. Sharfstein JM et al. Over the counter but no longer under the radar. Pediatric cough and cold medications. N Engl J Med 2007;357:2321

emanuela grasso


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online