Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Farmaco a doppio taglio

Versione stampabile Segnala ad un amico

Un farmaco prescritto per il trattamento del cancro al seno, potrebbe invece far proliferare le cellule tumorali, proteggendole dal sistema immunitario.



Il Tamoxifen, una medicina prescritta normalmente per la cura del tumore al seno, potrebbe addirittura aiutare alcuni tipi di cancro a proliferare.

“Lo potrebbe fare mascherandosi da ormone estrogeno” rivela David Shapiro che, con i suoi colleghi dell’Università dell’Illinois, ha scoperto che, oltre a indurre la crescita del tumore, gli estrogeni aiutano il cancro a schermare le cellule tumorali contro il sistema immunitario.

Nelle cellule cancerose umane coltivate in vitro, infatti, gli estrogeni favoriscono l’aumento di produzione di una proteina, la PI-9, che impedisce al nostro sistema immunitario di attaccare le cellule affette da tumore.

Secondo i ricercatori il Tamoxifen, che di solito riduce l’azione degli estrogeni, potrebbe anche sostituirli nella loro azione tumorale. Infatti sia gli estrogeni che il farmaco si legano ai recettori nel nucleo della cellula che attivano il gene responsabile della produzione di PI-9.

Nelle cellule tumorali caratterizzate da abbondanza di tali recettori, quindi, il farmaco fornisce la stessa identica protezione degli ormoni estrogeni contro l’attacco del sistema immunitario finalizzato alla distruzione delle cellule stesse.

Questa scoperta spiega finalmente come mai il Tamoxifen è notoriamente meno efficace nelle donne affette da tumori che hanno alti livelli di recettori per estrogeni.

“Il meccanismo è irritante – commenta Peter Kushner, un biologo molecolare dell’Università della California a San Francisco che studia il cancro al seno – e i dottori non smetteranno di prescrivere il Tamoxifen finché tale meccanismo non sarà verificato su modelli animali. Solo allora i ricercatori saranno motivati a trovare medicine alternative”.

ulisse.sissa.it
11 luglio 2007In collaborazione con New Scientist


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online