Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Caffeina e dipendenza

Versione stampabile Segnala ad un amico

La caffeina delle bibite non ha alcun effetto sul gusto come sostengono le aziende produttrici, ma crea una dipendenza nei consumatori, spesso bambini .

La caffeina è un alcaloide e svolge un’azione stimolante del sistema nervoso centrale (elimina la sonnolenza e attiva il senso di attenzione) intervenendo sulle sinapsi. Effetti negativi da sovradosaggio sono eccitazione, insonnia, tremori, nausea, vomito, aumento della diuresi, tachicardia, extrasistole. La grande popolarità delle bevande contenenti caffeina la rende la sostanza psicoattiva più diffusa nel mondo. È presente naturalmente nel tè, nel caffè e nel cioccolato, ma viene usualmente aggiunta alle bibite a base di cola.
Russell Keast e Lynn Riddella della Deakin University di Melbourne hanno ora dimostrato che questa aggiunta è del tutto inutile ai fini del miglioramento del gusto delle bibite, e può invece avere effetti pericolosi per la salute. “Le aziende produttrici di bibite”, spiega Keast, “sostengono che la caffeina viene aggiunta per dare un sapore caratteristico alle bibite, ma nessuna prova di laboratorio da noi effettuata ha trovato questo fantomatico ‘sapore’ di caffeina. Allora perché insistere ad aggiungerla alle bibite? La quantità di caffeina contenuta in 500 ml di bibita alla cola è già sufficiente a scatenare reazioni a livello del sistema nervoso, portando ad una dipendenza dal prodotto”.

Un bambino che beve una bibita zuccherata contenente caffeina non solo apprezza il suo sapore dolce, ma associa la sensazione di benessere provata alla bibita. Quando, 6-12 ore dopo l’assunzione, l’effetto della caffeina svanisce, il bambino è spinto ad assumere di nuovo la bibita. Questo porta ad un consumo smodato di bibite, con gravi rischi di obesità, diabete 2 e patologie cardiovascolari.


Fonte: Keast RSJ, Riddella LJ. Caffeine as a flavor additive in soft-drinks. Appetite 2007; doi:10.1016/j.appet.2006.11.003.


david frati



 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online