Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fitoterapia Cimicifuga «riabilitata» per le donne in menopausa

Versione stampabile Segnala ad un amico

Molte altre erbe sarebbero utili, ma proibite a causa di guerre commerciali

Accusata di attentare alla salute e dunque messa immediatamente al bando, una pianta che le donne usano da sempre senza problemi per curare i disturbi della menopausa è stata pienamente riabilitata in questi giorni dal Ministero della Salute. Si tratta della Cimicifuga, detta anche «erba delle indiane», da mesi al centro di una battaglia ora vinta dall’Associazione nazionale dei medici fitoterapeuti (Anmfit).
Lo scorso mese di luglio l’Agenzia del farmaco europea (Emea) aveva additato la Cimicifuga come potenziale veleno per il fegato. Al contrario, hanno dimostrato i medici fitoterapeuti, la pianta è stimabilissima, sempre molto ben tollerata dai pazienti e priva di significativi effetti collaterali: un solo caso di sospetta epatite in tutta Europa, attribuito alla pianta, in oltre dieci anni di uso continuativo, e peraltro senza alcuna certezza.

«La pianta è priva di significativi effetti collaterali»
Paradossalmente, sottolineò l’Associazione, l’Emea dimenticava un farmaco clamorosamente epatossico come il Paracetamolo, noto antifebbrile, responsabile però annualmente di centinaia di casi di epatiti mortali, e venduto senza alcun problema. Dunque un abbaglio macroscopico, ora rimediato da una circolare firmata da Silvio Borriello, direttore generale del Dipartimento per la sanità pubblica veterinaria, la nutrizione e la sicurezza degli alimenti. «Valutati gli elementi disponibili e viste le posizioni assunte negli altri Paesi - scrive Borriello a nome della speciale commissione ministeriale -, si concorda su una riammissione della Cimicifuga racemosa rizoma». Unico avvertimento: non utilizzare la pianta in caso di malattie epatiche.

Il «sì» del Ministero della Salute
«Siamo soddisfatti di questa decisione», commenta Fabio Firenzuoli, presidente dell’Anmit, «purtroppo assistiamo spesso ad attacchi indiscriminati alle erbe medicinali con argomenti che hanno poco di scientifico, minano la credibilità e la serietà della disciplina, facendo volutamente, è il caso di dirlo, di ogni erba un fascio. Al contrario, oggi la fitoterapia è una branca della medicina, accettata dagli ordini dei medici ed insegnata all’ niversità. Firenze ne è un esempio. I rimedi vegetali sono dunque ampiamente sicuri, ovviamente purché usati in modo corretto».
lastampa.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fitoterapia
· Ultime news


Articolo più letto su Fitoterapia:
L'amaro svedese

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online