Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Trucchi per mangiare meno

Versione stampabile Segnala ad un amico

Consigli un pò ovvii, ma da mettere in pratica


Il Pensiero Scientifico Editore - Mar 16 Gen

Perché mangiamo tanto più del necessario? È la domanda che ormai da diversi anni si pone Brian Wansink, direttore del Food and Brand Lab della Cornell University . Nel suo nuovo libro raccoglie e racconta i risultati di dieci anni di sperimentazione, svelando molte delle trappole mentali che ci inducono ad abbuffarci e fornendo alcuni trucchi utili e soprattutto pratici per evitare questo errore.


L'ultimo inganno scoperto da Wansink in ordine di tempo è che i nomi dei cibi possono invogliare a servirsi più abbondantemente: "maccheroni alla carne" e "ragù reale all'italiana", per esempio, sono nomi che hanno un effetto molto diverso su chi si siede a tavola. Altre trappole più o meno note smascherate dall'autore sono ad esempio le dimensioni delle porzioni e dei piatti o bicchieri. Più cibo si ha nel piatto più si mangia, non solo perché è di più, ma anche perché la sensazione di sazietà inizia a comparire quando il piatto si svuota.


Bicchieri alti e stretti, come è noto, sembrano contenere più liquido di quelli bassi e larghi, anche se poi non è vero. Per questo motivo il secondo tipo di bicchieri è stato bandito dalla casa del ricercatore, compresi quelli da vino rosso (dono di nozze), con grande disappunto della signora Wansink.


Un trucco efficace è invece non avere a portata né di mano né di occhio nessun tipo di snack e di dolcetto. È stato dimostrato che chi tiene in vista dolci e caramelle ne consuma più di chi li tiene nascosti. Non bisogna neanche fidarsi delle indicazioni sulle confezioni: esagerare con i cibi dichiarati low-fat (e non low-calories) porta ad esagerare senza neanche rendersene conto e ad assumere insospettabilmente calorie inutili.


Anche la varietà è un'arma a doppio taglio: invoglia a mangiare di più sia attraverso gli occhi, sia attraverso la curiosità di assaggiare tutto. Però può essere rivolta a nostro favore: si può sempre iniziare a mettere a tavola sei varietà di verdura e una bella cesta con quattro o cinque frutti diversi. Effettivamente anche la storia del nome potrebbe essere ben sfruttata: le mamme potrebbero iniziare a propinare il passato di verdure come ”mousse dell'orto”, i broccoli come “trionfo del verde”, le carote come “conigli alla riscossa” e così via...


Fonte: Cornell University Food and Brand Lab

caterina visco


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online