Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Tumori Più pesce e meno olio di mais a tavola contro cancro prostata

Versione stampabile Segnala ad un amico

Gli Omega 3 sarebbero un fattore protettivo

Una dieta a base di pesce, alimento ricco di grassi omega-3, e povera di olio di mais, che contiene invece i grassi omega-6, può aiutare a rallentare la progressione del cancro alla prostata. Questi i consigli 'dietetici' suggeriti dai medici dell'università della California di Los Angeles dalle pagine di Clinical Cancer Research. Sul banco degli imputati finisce, dicono i ricercatori, il menù all'Occidentale ricco di grassi omega-6 e povero di quelli omega-3. Una caratteristica che, però, riguarda maggiormente le abitudini alimentari degli anglosassoni che usano poco l'olio d'oliva per condire. Per verificare come queste sostanze incidano sull'andamento del tumore della prostata, gli scienziati hanno alimentato topi di laboratorio malati di cancro con due differenti regimi dietetici, uno a base di grassi 'buoni', l'altro con quelli 'cattivi'. Così facendo hanno potuto constatare che, nel primo caso, le cellule cancerose crescevano a una velocità del 22% inferiore a quella osservata nel gruppo di animali nutriti con cibi 'all'Occidentale'. ''In più - commentano - gli omega-3 sono associati a una riduzione consistente, pari a circa l'83%, dei livelli di prostaglandine E(PGE)-2, che favoriscono l'infiammazione e il tumore'', concludono.

adn salute 2006


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online