Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Tumori Asimmetria dei seni a rischio

Versione stampabile Segnala ad un amico

Le donne con seni molto asimmetrici hanno un rischio più elevato di sviluppare tumore della mammella . L’allarme arriva da uno studio preliminare pubblicato dalla rivista Breast Cancer Research.

I ricercatori dell’University of Liverpool guidati da Diane Scutt hanno considerato il volume delle mammelle di donne sane analizzando mammografie effettuate tra il 1979 ed il 1986 nel quadro di un vasto studio sul tumore della mammella. Sono state selezionate 252 donne che hanno sviluppato tumore della mammella tra il 1986 ed il 2002, e 252 donne rimaste sane. Confrontando i dati è emerso che le donne con seni asimmetrici tendono a sviluppare tumori della mammella con più frequenza. Se il volume delle mammelle di una donna differisce da un seno all’altro di più di 100 millilitri, si registra un 50 per cento di probabilità in più di sviluppare un tumore rispetto al normale.





I ricercatori ignorano ancora i motivi fisiologici che rendono le donne con seni asimmetrici più soggette al tumore della mammella anni prima della presenza di cellule cancerose, ma suppongono che l’asimmetria sia il sintomo di una qualche anomalia genetica coinvolta nell’oncogenesi. Prima che un’epidemia di panico colga le donne facendole passare ore davanti allo specchio intente a misurarsi il seno, la Scutt precisa: “La maggior parte delle donne ha un’asimmetria nella grandezza delle mammelle. Per dare un’idea delle proporzioni della cosa, su 504 donne prese in esame nell’ambito del nostro studio, solo 1 aveva due seni di volume perfettamente identico. La differenza media è 50-60 millilitri e rientra nella normalità. Non vogliamo essere allarmisti”.





Ciò che i ricercatori inglesi suggeriscono è che una valutazione delle asimmetrie nel volume delle mammelle durante gli esami mammografici potrebbe contribuire ad identificare le donne con rischio più elevato di sviluppare tumore negli anni seguenti: “Questo parametro di rischio andrebbe valutato assieme alla storia familiare, ad esempio. Si tratta di un’informazione addizionale alla quale guardare con attenzione”, spiega la Scutt.

Questi risultati sembrano confermare la teoria che vuole gli esseri umani con organi più simmetrici dotati di un corredo genetico più equilibrato. Recenti studi hanno messo in evidenza che lo sviluppo di seni simmetrici durante la pubertà, ad esempio, necessita di un ingente investimento di energia e dell’abilità di resistere alle influenze negative esterne (deficienze di apporto nutrizionale, accumulo di tossine, etc.). Randy Thornhill, ricercatore dell’University of New Mexico di Albuquerque e studioso di asimmetria, fa però notare: “L’asimmetria è la norma. Esemplari perfettamente simmetrici se ne trovano solo su Playboy”.

Fonte: Scutt D, Lancaster GA, Manning JT. Breast Cancer Research 2006; 8 R14.

david frati
Il Pensiero Scientifico Editore



 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online