Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Gli amici allungano la vita, la famiglia no

Versione stampabile Segnala ad un amico

Sorprendente risultato di uno studio scientifico: gli amici aiutano ad allungare la vita.




La famiglia, al contrario, non avrebbe alcun effetto sulla longevità degli individui. Avere amici - più sono meglio è - vicini e affettuosi, capaci di aumentare la nostra autostima e magari indurci ad adottare comportamenti più sani può insomma aggiungere anni di vita. Una ricerca condotta ad Adelaide, in Australia, con i fondi anche dell'Istituto nazionale per l'invecchiamento Usa, ha seguito per oltre dieci anni la salute di 1.500 persone dai 70 anni in su.


Quelli più stretti hanno un effetto positivo sull’autostima
L'esito ha sorpreso gli stessi esperti. La consapevolezza che la presenza di forti affetti nell'esistenza contribuisca alla longevità era già diffusa, ma il ruolo prioritario giocato dall'amicizia era inatteso. Gli studiosi hanno esaminato tre categorie di attività sociali: quelle con la famiglia, quelle con gli amici, quelle con i cosiddetti confidenti che possono essere consiglieri spirituali.
A dieci anni dall'avvio dell'indagine gli anziani che hanno mostrato di vivere più a lungo sono stati quelli con molti amici stretti; quelli con «confidenti» hanno vissuto anch'essi più a lungo della media ma non tanto quanto i precedenti; mentre i volontari la cui esistenza era principalmente incentrata su figli e famiglia non hanno evidenziato affatto un aumento della longevità.


Un grande aiuto per combattere la depressione
Secondo gli studiosi - che hanno pubblicato i risultati dei test sul «Journal of Epidemiology and Community Health» - «gli amici sembrano avere un positivo effetto contro la depressione e la mancanza di autostima, contribuendo a un senso di controllo sulla propria vita. Mentre per i contatti familiari, che pure possono dare benefici simili, va notato che i famigliari non si scelgono e questo farebbe la differenza con gli amici».

5 luglio 2005
Lastampa.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online